Shutdown, è corsa contro il tempo negli Usa per la proroga del bilancio federale

Shutdown, è corsa contro il tempo negli Usa per la proroga del bilancio federale
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Votata dalla Camera dei rappresentanti, la proroga passa adesso al vaglio del senato che ha tempo fino alla mezzanotte di venerdì. Il rischio è la chiusura degli uffici federali per mancata erogazione di fondi. L'ultima volta accadde nel 2013

PUBBLICITÀ

Mentre Donald Trump celebra il suo primo anno di mandato, la camera dei rappresentanti ha votato una proroga a breve termine della legge di bilancio che dovrebbe evitare la chiusura degli uffici federali per mancata erogazione di fondi, tecnicamente shutdown.

La proroga dovrà essere votata nelle prossime ore in Senato, dove la maggioranza repubblicana non è scontata. Alla Camera i repubblicani hanno proposto in cambio ai democratici il prolungamento del Chip, programma di assicurazione sanitaria per i bambini poveri.

 Il senatore repubblicano, Lindsey Graham, chiede cooperazione ai democratici:

"C'è un tempo per fare la guerra e uno per fare gli accordi, adesso è il tempo per cercare un accordo".

 

Alla Camera alta i democratici alzeranno la posta e chiederanno la regolarizzazione della situazione di circa 700 mila dreamer, minacciati dall'abrogazione del programma Daca.

Il Senato ha fino alla mezzanotte di questo venerdì per evitare quello che tecnicamente si chiama shutdown, l'ultima volta che questo si verificò fu nel 2013, (anche se non è mai capitato  con un partito che controlla entrambi i rami del parlamento) e durò circa due settimane i dipendenti dell'amministrazione pubblica americana si ritrovarono tecnicamente in disoccupazione.

 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca