Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Rifugiati benvenuti in casa Trump

Rifugiati benvenuti in casa Trump
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

“Rifugiati benvenuti in casa Trump, per un weekend di sensibilizzazione”. Non è “Scherzi a parte”, ma un riuscito colpo mediatico dell’Agenzia Oxfam, che ha affittato l’abitazione d’infanzia dell’oggi Presidente anti-immigrati, per attirare l’attenzione del mondo, nei giorni dell’Assemblea Generale ONU.


Su Twitter le spiegazioni di Oxfam America sul perché dell’iniziativa: “Volevamo inviare un messaggio di sostegno ai rifugiati – scrive -, offrendo loro una piattaforma da cui raccontare le loro storie, in un modo che non potesse essere ignorato da leader mondiali, politica statunitense e stampa.”

“I rifugiati incarnano la tenacia professata da Trump”


“Abbiamo tappezzato l’interno della casa con una serie di citazioni di Trump – spiega Shannon Scribner, Direttore in pectore del dipartimento umanitario di Oxfam America -. Una di queste riguarda la tenacia. E le storie dei rifugiati che stiamo ospitando proprio questo incarnano: un vero testamento alla tenacia e alla perserveranza. Persone che hanno dovuto abbandonare il loro paese, per cercare rifugio altrove”.

Da Somalia, Vietnam e Siria i rifugiati ospitati nella dimora di stile Tudor del quartiere di Queens, in cui fino ai suoi 4 anni giocò e visse il piccolo Donald. Rilevata a marzo all’asta da un ignoto acquirente, è stata messa a loro disposizione dall’Oxfam perché “vi raccontassero le loro storie” e aumentassero così la pressione su Trump, in merito ai numeri dell’accoglienza da fissare per il prossimo anno.