EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Francia: l'ex premier Valls lascia i socialisti e vuole candidarsi con Macron

Francia: l'ex premier Valls lascia i socialisti e vuole candidarsi con Macron
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex premier definisce quello Socialista un partito "morto". Ora vuole correre con En Marche per le legislative di giugno. Ma il movimento del nuovo presidente lo gela: "La sua candidatura non è autom

PUBBLICITÀ

Secondo gli ultimi sondaggi, il Partito socialista francese ha solo il 9% dei consensi. Un partito “morto”, lo definisce l’ex premier Manuel Valls. Che dunque ha deciso che alle elezioni politiche di giugno non correrà con i socialisti. Ma intende candidarsi con la lista del nuovo presidente, Emmanuel Macron. Qualcuno chiamerebbe questa mossa “salto sul carro dei vincitori”.
Valls, dal canto suo, assicura che le sue intenzioni sono le migliori: “In questo momento bisogna essere capaci di andare oltre, di dimenticare i rancori e i problemi personali. L’unica cosa che mi interessa prima di tutto è la Francia, la Repubblica.Perchè io non dimentico che la battaglia contro l’estrema destra continua. E anche per le elezioni legislative ognuno deve essere allerta e bisogna trovare degli accordi per impedire che in certe circoscrizioni il Front National vinca”.

La risposta del movimento di Macron, La République en Marche!, non si è fatta attendere e sembra che non sia per niente scontato che l’ex premier possa davvero proporsi sotto le insegne della lista del nuovo presidente. Per la circoscrizione di Valls è già stata scelta una candidata, ha fatto sapere il comitato per le investiture. La procedura non è automatica e dovrà fare atto di candidatura entro due giorni, aggiungono da En Marche!.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: Manuel Valls ufficializza la candidatura a sindaco di Barcellona

Legislative di giugno in Francia: cosa accadrà adesso

Francia: monito da Moscovici sul deficit