EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Merkel a Erdogan, basta paragoni con metodi nazisti

Merkel a Erdogan, basta paragoni con metodi nazisti
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Toni sempre più accesi tra Turchia e Germania. Berlino dice stop alle provocazioni di Ankara e minaccia bando a comizi pro-Erdogan

PUBBLICITÀ

Berlino ora dice stop. Prosegue con toni sempre più accesi lo scontro diplomatico tra Germania e Turchia dopo l’ennesimo attacco di Ankara in seguito al divieto di alcune regioni tedesche ai comizi di ministri turchi in vista del referendum del 16 aprile. Stavolta a lanciare un monito al presidente Erdogan è la cancelliera tedesca Angela Merkel aggiungendo che Berlino si riserverà il diritto di riesaminare le autorizzazioni.

In a public speech today, #Turkey president #Erdogan accused chancellor #Merkel of using Nazi measures against #Turks in #Germanypic.twitter.com/uz7nHOGXFq

— Abdullah Bozkurt (@abdbozkurt) 19 marzo 2017

“I paragoni con i metodi nazisti formulati dai dirigenti turchi quando parlano di decisioni prese dal governo tedesco devono cessare senza se e senza ma”, ha dichiarato la Merkel. “Questi confronti devono smettere, il fine non giustifica i mezzi, bisogna rispettare la sofferenza di coloro che sono stati perseguitati dai nazisti.”

Berlino dunque rispedisce al mittente tutte le accuse, dopo le parole del ministro degli esteri che aveva dichiarato che i tedeschi sono tolleranti ma non degli imbecilli, scende in campo Martin Schulz. Il neoeletto Presidente dei socialdemocratici ha sottolineato che il governo tedesco deve dire chiaramente a Erdogan che la sua strategia prima o poi fallirà: “Ho sentito e visto un breve estratto del discorso del presidente turco. Le sue parole non sono pertinenti, è assurdo e sfrontato che il leader di un paese che consideriamo amico insulti il nostro leader”, ha sottolineato il leader della SPD.

Germany and Turkey diplomatic crisis deepens after Erdogan accuses Merkel of using ''Nazi measures'' https://t.co/sTMVgELdC8pic.twitter.com/G0lFrLp7Kd

— euronews (@euronews) 19 marzo 2017

A scatenare l’ennesima scintilla la manifestazione di Francoforte di 30mila curdi, senza contare la vicenda del giornalista del Die-Welt Deniz Yucel, arrestato e detenuto in Turchia.

#Germany#Turkey: 30,000 #Kurds in #Frankfurt anti- #Erdogan#protesthttps://t.co/iKiiKkv4vr

— The Circuspeak (@Gittyss) 19 marzo 2017

An unacceptable attack by RT_Erdogan</a> on a democratic country that guarantees all fundamental rights.<a href="https://twitter.com/hashtag/Germany?src=hash">#Germany</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/Merkel?src=hash">#Merkel</a> <a href="https://twitter.com/RegSprecher">RegSprecher

— EP President Tajani (@EP_President) 20 marzo 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia-Germania: rapporti ai minimi termini. I curdi già festeggiano il Newroz

Berlino, il presidente turco Erdogan a Israele: "uccidere bambini è contrario alla Torah"

Scholz accoglie un ospite "difficile", Erdoğan in Turchia