EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Erdogan: "Angela Merkel usi misure naziste contro i turchi"

Erdogan: "Angela Merkel usi misure naziste contro i turchi"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Durissimo il presidente Erdogan contro la cancelliera tedesca accusata di uusare metodi nazisti contro i turchi

PUBBLICITÀ

Il presidente Recep Tayyip Erdogan, in un intervento a Istanbul, ha accusato ancora una volta la cancelliera Angela Merkel di sostenere i terroristi, riferendosi al caso del giornalista turco-tedesco della Die Welt, Deniz Yucel, in carcere in Turchia. “Grazie a Dio è stato arrestato e tu ci stai chiedendo indietro un agente terrorista”, ha detto Erdogan,
sottolineando che sarà processato da un sistema giudiziario indipendente. Va detto però che al giornalista è stata negata qualsiasi assistenza diplomatica.

Così Erdogan: “Merkel, sei tu che usi dei mezzi nazisti. Contro chi? Contro i miei fratelli in Germania e contro i miei fratelli-ministri. Sostieni gli olandesi e usi misure naziste”.

A far parlare così l’uomo forte di Ankara, capace di aizzare le frange più anti-europeiste del suo paese, il rifiuto tedesco di permettere ai ministri del governo di fare campagna per il referendum per il presidenzialismo del 16 aprile e l’aver lasciato ai curdi, assai presenti in Germania, lo spazio per manifestare non solo per festteggiare il Newroz, il loro capodanno, che quest’anno cade il 20 marzo, ma di aver loro concesso di usare quest’occasione per criticare apertamente il presidente turco. Un affronto che Erdogan non intende lasciar passare.

Questo mentre in Germania si moltiplicano le iniziative di sostegno a Deniz Yucel che se condannato rischirebbe una pesantissima pena detentiva. Se non peggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia-Germania: rapporti ai minimi termini. I curdi già festeggiano il Newroz

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

"Turchi ingrati", così i sostenitori di Erdoğan dopo la sconfitta a Istanbul e Ankara