EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Faccia a faccia Cavusoglu-Gabriel sui tesi rapporti tra Ankara e Berlino

Faccia a faccia Cavusoglu-Gabriel sui tesi rapporti tra Ankara e Berlino
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“La normalità dei rapporti fra Germania e Turchia non è quella di oggi, è meglio della condizione attuale, e sia io sia il mio collega turco auspichiamo il ritorno a questa…

PUBBLICITÀ

“La normalità dei rapporti fra Germania e Turchia non è quella di oggi, è meglio della condizione attuale, e sia io sia il mio collega turco auspichiamo il ritorno a questa normalità”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, a Berlino, a margine di un incontro con il suo omologo di Ankara Mevlut Cavusoglu. Un incontro che cade in un momento di estrema tensione nei rapporti bilaterali.

“Vogliamo camminare insieme pacificamente con questo paese, vogliamo risolvere i dissensi in maniera democratica e assoicurare che nessuno è trattato con mancanza di rispetto. Su questo possono contare sull’amicizia della Germania”.

La tensione diplomatica tra Berlino e Ankara è provocata dall’arresto del reporter della Welt Deniz Yucel a Istanbul, e il rifiuto di alcuni comuni tedeschi ai comizi elettorali di ministri turchi, in vista del referendum costituzionale di aprile.

“Intanto dobbiamo decidere una cosa: vogliamo continuare come due paesi amici, o vogliamo rompere i nostri legami? Come Turchia siamo favorevoli a continuare in amicizia ma la Germania deve decidere in merito, così da permettere di fare progressi, in base a essa”.

Ieri Cavusoglu aveva parlato ad Amburgo dal balcone del consolato, dopo che il sindaco aveva negato i permessi per l’uso di una sala.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Merkel replica a Erdogan: "Germania nazista? Commenti ingiustificabili"

Erdogan: "In Germania c'è ancora il nazismo"

Referendum Turchia, l'Austria: "Ue vieti comizi". Erdogan attacca la Germania