Il regista Michael Moore mette in guardia sul pericolo "Trump"

Il regista Michael Moore mette in guardia sul pericolo "Trump"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Anche la presentazione di un film può diventare una buona occasione per esprimere il proprio pensiero, ad esempio su Donald Trump.

PUBBLICITÀ

Anche la presentazione di un film può diventare una buona occasione per esprimere il proprio pensiero, ad esempio su Donald Trump.

È a questo a cui ci ha ci ha abituati il regista statunitense Micheal Moore in questi giorni a Londra per il suo documentario: Where to invade next.

“Penso che Trump sia un maestro nell’uso dei mezzi di comunicazione – sottolinea Micheal Moore – non è così stupido come sembra. Dovrebbe essere preso molto sul serio, la manipolazione e l’uso della propaganda è incredibile, nel senso che sta ottenendo un grande successo”.

Questa volta Michael Moore, pluripremiato con i suoi documentari di denuncia, assume un tono più divertente anche se i temi restano impegnati. Ci porta a visitare diversi paesi europei con l’idea di “invaderli” e rubare le loro migliori idee da adottare negli Stati Uniti. Quindi “Where to invade next”?

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni

Usa, Trump non trova i soldi per multa da mezzo miliardo per frode a New York

Guerre, aborto e l'innominato Trump: cosa ha detto Biden nel suo discorso sullo Stato dell'Unione