Mar cinese meridionale: la Cina dice no all'arbitrato dell'Aja

Mar cinese meridionale: la Cina dice no all'arbitrato dell'Aja
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La richiesta di far intervenire il Tribunale internazionale riguarda la disputa con le Filippine

PUBBLICITÀ

Non si placano le tensioni sulle sovranità nazionali nel Mar cinese meridionale.

Sulla disputa in corso con le Filippine, la Cina rifiuta l’arbitrato da parte del Tribunale dell’Aja.

Il segretario statunitense alla difesa Ashton Carter ha esortato a non insistere con le provocazioni, ricordando che il suo paese è e resterà la principale potenza militare nell’area.

Ma il capo negoziatore cinese ha ribadito:

sdsdfg sfdgysdf sfgsd sdfgsdfg

Il caso va oltre la giurisdizione del Tribunale perché le dispute territoriali e la sovranità non possono essere soggette ad arbitrato. Per noi questo arbitrato è illegale e non lo accetteremo.

Il Mar Cinese Meridionale è solcato da alcune delle rotte marittime più trafficate al mondo che collegano la Cina, il Giappone, la Corea e Taiwan con l’oceano Indiano. Nei suoi fondali vi sono giacimenti di petrolio e gas naturale.

Le rivendicazioni marittime di Cina, Taiwan, Vietnam, Filippine, Malesia e Brunei si sovrappongono e le dispute si trascinano da decenni.

Sembrano posizioni inconciliabili, eppure Pechino ha appena annunciato che parteciperà alle esercitazioni multilaterali nel Pacifico previste in giugno. Si tratta delle manovre navali più imponenti del mondo e verranno dirette dagli americani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Cina pattuglia le acque attorno a Taiwan dopo la morte di due pescatori

Capodanno Lunare: celebrazioni nel tempio Dongyue di Pechino

Calcio, rimborso per i tifosi infuriati con Lionel Messi: non gioca a Hong Kong ma a Tokyo