EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un futuro cupo per i migranti

Un futuro cupo per i migranti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In questa puntata di Perspectives vi proponiamo i servizi di alcune tv pubbliche sul tema dei migranti, su come la questione viene affrontata a

PUBBLICITÀ

In questa puntata di Perspectives vi proponiamo i servizi di alcune tv pubbliche sul tema dei migranti, su come la questione viene affrontata a livello europeo e sulle iniziative di singoli Paesi.

L'hotspot dell'isola di Lesbo

Mentre sulle isole greche continuano ad arrivare circa duemila migranti al giorno, va avanti il piano dell’Unione Europea per istituire gli hotspot per la registrazione e per l’esame delle richieste di asilo. Il governo greco è sempre più sotto pressione per accelerare il processo. Ne parla France 3.

La politica restrittiva dell'Austria

Dopo il tetto annuale già fissato, l’Austria intende introdurre anche un limite giornaliero agli ingressi dei migranti nel Paese. Alcune regioni austriache studiano misure specifiche. È il tema del servizio della radiotelevisione svizzera italiana.

In Belgio i migranti in fuga da Calais

Il timore di vedere nuove “giungle”, simili a quella famosa di Calais, nel nord della Francia, si è diffuso nel vicino Belgio. Nella città portuale di Zeebrugge le parole del governatore delle Fiandre occidentali hanno scatenato un vasto dibattito. Ne parla France 2.

La scelta di tornare indietro

La scorsa estate, migliaia di migranti hanno ricevuto la calorosa accoglienza dei tedeschi, dopo un lungo e rischioso viaggio verso l’Europa. Ma mesi di lungaggini burocratiche e problemi di denaro spingono molti a far ritorno nei Paesi di origine, come racconta il servizio del Tg3.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Irlanda, migranti: richiedi asilo e finisci in tenda, "condizioni disumane" secondo l'opposizione

Dublino, 200 richiedenti asilo accampati per strada: casi di scabbia e malattie respiratorie

Italia: arrivate 97 persone grazie ai corridoi umanitari