L'ex detenuto in Iran Hekmati arriva in Michigan: "Felice di essere a casa"

L'ex detenuto in Iran Hekmati arriva in Michigan: "Felice di essere a casa"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“Sono felice di essere finalmente a casa”: sono state queste le prime parole pronunciate da Amir Hekmati una volta toccato il suolo della sua città

PUBBLICITÀ

“Sono felice di essere finalmente a casa”: sono state queste le prime parole pronunciate da Amir Hekmati una volta toccato il suolo della sua città Flint, nel Michigan. L’ex marine è stato liberato dall’Iran insieme ad altri quattro cittadini con doppia nazionalità, iraniana e statunitense, nell’ambito di uno scambio di prigionieri arrivato dopo la fine delle sanzioni contro Teheran.

“Amo questa città e la sua gente – ha commentato Amir Hekmati – è stato un viaggio lungo”.

#FreedAmir A message of thanks from Amir Hekmati pic.twitter.com/Kkl3Rka83v

— Free Amir Hekmati (@FreeAmirHekmati) January 20, 2016

Arrestato nell’agosto 2011 con l’accusa di “spionaggio per la Cia”, Amir Hekmati era stato condannato l’anno dopo a dieci anni di carcere. Tra i rilasciati ci sono anche il corrispondente del Washington Post, Jason Rezaian – arrestato nel luglio del 2014 con l’accusa di spionaggio – e il pastore Said Abedini che è stato condannato nel 2013 a otto anni di carcere perché stava cercando di creare chiese cristiane. Per l’Iran questo era una minacciava alla sua sicurezza nazionale.

Gli Stati Uniti hanno liberato, a loro volta, sette cittadini con la doppia cittadinanza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

New York, avvertito terremoto magnitudo 4,8 con epicentro in New Jersey, chiusi gli aeroporti

Usa, dimesso con successo il primo paziente a cui è stato trapiantato un rene di maiale

Biden a Netanyahu: "Sostegno dipende dal trattamento dei civili", Israele apre il valico di Erez