EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Grecia, Meimarakis di Nuova Democrazia accorcia distanze da Tsipras

Grecia, Meimarakis di Nuova Democrazia accorcia distanze da Tsipras
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

29% e 26%. A meno di 3 settimane delle elezioni in Grecia, il centro destra di Nuova Democrazia accorcia le distanze dalla sinistra del Premier

PUBBLICITÀ

29% e 26%. A meno di 3 settimane delle elezioni in Grecia, il centro destra di Nuova Democrazia accorcia le distanze dalla sinistra del Premier uscente Alexis Tsipras.

Il leader di Nea Dimokratia Evangelos Meimarakis ha tenuto un comizio davanti alla folla dei militanti nella sede storica del partito.

“Meimarakis parla la lingua della gente. Non racconta balle, non fa false promesse e può essere un Premier migliore di Tsipras” dice un elettore di centro-destra.

“Credo che la gente sia rimasta delusa da Syriza dopo le misure per limitare la disponibilità di liquidi. Sono convinta che la bilancia penda dalla parte di Nuova Democrazia” è l’opinione di un’altra militante.

Prima che i cittadini ellenici esprimano la propria preferenza ci saranno due dibattiti televisivi: uno con la partecipazione di tutti i leader di partito ed uno, il più atteso, con un confronto diretto tra Tsipras e Meimarakis.

Il nostro corrispondente ad Atene Stamatis Giannisis: “A meno di 3 settimane dal voto, lo scontro tra la sinistra di Syriza e il centro destra di Nuova Democrazia si è fatto più duro. I sondaggi dicono che il vincitore delle elezioni del 20 settembre sarà il partito che riuscirà ad avere l’appoggio degli elettori indecisi che si attesterebbero attorno al 15%”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia: cosa pensano gli abitanti dell'isola di Milos delle elezioni europee

Elezioni europee, i conservatori moderati greci in testa nei sondaggi

Elezioni europee, Mitsotakis: "Quello che ha fatto l'Ue non ha precedenti storici"