EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Turchia, supera le 30 vittime il bilancio dell'attentato a Suruc

Turchia, supera le 30 vittime il bilancio dell'attentato a Suruc
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si aggrava il bilancio dell’attentato terroristico nella città turca di Suruc, vicino al confine con la Siria: almeno trentuno le vittime e più di

PUBBLICITÀ

Si aggrava il bilancio dell’attentato terroristico nella città turca di Suruc, vicino al confine con la Siria: almeno trentuno le vittime e più di cento i feriti. Molti in condizioni critiche.

L’esplosione è avvenuta nei giardini di un centro culturale, dove si era riunito un gruppo di studenti che voleva partecipare alla ricostruzione di Kobane, la città curda oltre frontiera.

Da Cipro Nord, dove si trova in visita, il presidente turco Erdogan sembra rispondere a quanti, dentro e fuori la Turchia, rimproverano ad Ankara un atteggiamento neutrale nei confronti dei jihadisti.

“Abbiamo sempre detto che non c‘è posto per il terrorismo, in nessuna religione e in nessun Paese – afferma Erdogan – Abbiamo sempre sostenuto la necessità di una lotta internazionale contro il terrorismo e continuiamo a farlo”.

Benché la strage non sia stata ancora rivendicata, è difficile non leggervi la firma dell’Isil, tanto più dopo l’attacco quasi simultaneo avvenuto a Kobane e costato la vita a due miliziani curdi.

A Suruc, durante una manifestazione seguita alla strage terroristica, un uomo è stato fermato dalla polizia perché, secondo testimoni, in possesso di una bandiera del sedicente Stato Islamico.

Un sit-in di protesta si è svolto anche a Istanbul.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, attacco a Suruc: Ankara punta il dito contro l'Isil e aumenta la sicurezza

Turchia: Erdogan allenta il disegno di legge contro i cani randagi, 4mila a rischio soppressione

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi