EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Danimarca: giornata elettorale, previsto un testa a testa.

Danimarca: giornata elettorale, previsto un testa a testa.
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Danesi al voto per rinnovare il parlamento e decidere chi governerà il paese. Tra i due schieramenti si profila un testa a testa, con il

PUBBLICITÀ

Danesi al voto per rinnovare il parlamento e decidere chi governerà il paese. Tra i due schieramenti si profila un testa a testa, con il centro-destra in lievissimo vantaggio, ma il centro-sinistra che potrebbe recuperare consensi dopo le ultime misure in tema di immigrazione. Copenaghen
ha ristretto le maglie dell’accoglienza.

L’attuale premier, la socialdemocratica Helle Thoring- Schmidt e il suo predecessore, Lars Lokke Rasmussen, si sono confrontati in campagna elettorale anche su altri temi caldi: come l’economia, il welfare e l’ambiente.

Il Professor Kasper Hansen, dell’Università di Copenhagen, osserva: “L’immigrazione non era parte dell’agenda politica nella prima settimana. Nella seconda, quando la sinistra si è presentata come se stesse per vincere, i liberali hanno giocato quella carta e hanno detto: ‘Ora dobbiamo parlare di questo.’ E l’agenda è cambiata e attualmente la maggioranza ha cambiato posizione. Quindi sembra che se si gioca la carta dell’immigrazione e della criminalità, si tende ad avere un governo conservatore piuttosto che uno di sinistra.”

In questo quadro, nel campo del centro-destra, decisivo potrebbe risultare il DF, il Partito del Popolo danese, il cui leader quarantenne, Kristian Thulesen Dahlt, ha definito gli immigrati “appartenenti ad una civiltà inferiore.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché la Danimarca ha uno dei tassi di bullismo più bassi d'Europa?

La Danimarca vieta i roghi di Corano, Bibbia, Torah e simboli religiosi

Il Portogallo vira a destra, tra Alleanza Democratica e Socialisti spunta Chega