EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

California. Mesi per ripulire la costa dopo fuga di greggio a Santa Barbara

California. Mesi per ripulire la costa dopo fuga di greggio a Santa Barbara
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Plains All American Pipeline sotto accusa dopo la fuga di greggio che ha contaminato 14 chilometri di costa californiana nell’area naturalistica

PUBBLICITÀ

La Plains All American Pipeline sotto accusa dopo la fuga di greggio che ha contaminato 14 chilometri di costa californiana nell’area naturalistica di Santa Barbara.

L’azienda che gestisce l’oleodotto da cui sono fuoriusciti martedì circa 400.000 litri di petrolio ha una storia di incidenti 3 volte superiore alla media nazionale.

“Fino ad ora abbiamo recuperato circa 30.000 litri di acqua mista a greggio e abbiamo rimosso 27 metri di terreno contaminato rispetto ai circa 90 metri che dobbiamo ancora portare via attorno alla porzione danneggiata dell’oleodotto” ha detto in conferenza stampa Rick McMichael, responsabile delle operazioni per la compagnia petrolifera.

Looking for general information about what happens during oil spills? http://t.co/5pwi0r89HP#SantaBarbaraOilSpillpic.twitter.com/YPJTsHgmGI

— NOAA Clean Coasts (@noaacleancoasts) 21 Maggio 2015

Secondo la Guardia Costiera della California e le associazioni ambientaliste potrebbero volerci mesi prima che le spiagge di Santa Barbara tornino nelle condizioni precedenti l’incidente.

“Sono responsabile di della sezione locale dell’associazione ambientalista Sierra Club, ma sono anche una madre che vive vicino a Goleta Beach, la zona dell’incidente” racconta Katie Davies. “Su quelle spiagge i miei figli sono cresciuti. Andavamo a fare campeggio con la scuola, a guardare le balene e i delfini nuotare e vedere una tale devastazione mi fa star male”.

Quasi 80.000 litri di greggio sono finiti in mare. L’area è un santuario per balene e leoni marini e ha una ricchezza ornitologica unica.

Dopo la marea nera del 1969, da qui ha mosso i primi passi il movimento ambientalista americano, impegnato proprio ora nella battaglia contro i piani di trivellazione nell’Artico.

La Plains All American Pipeline in collaborazione con le istituzioni ha creato una pagina di aggiornamento e informazioni sullo stato di avanzamento dei lavori di pulizia della costa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia

Usa, il discorso di Vance alla convention repubblicana: "Con Biden America più povera e debole"

Stati Uniti, il presidente Joe Biden positivo al Covid-19: sintomi lievi e autoisolamento