EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gran Bretagna, la ripresa economica vacilla prima delle elezioni

Gran Bretagna, la ripresa economica vacilla prima delle elezioni
Diritti d'autore 
Di Giacomo Segantini Agenzie:  REUTERS
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

A sei giorni dalle elezioni un dato imprevisto getta nuove ombre sulla ripresa economica britannica. L’indice che misura lo stato di salute del

PUBBLICITÀ

A sei giorni dalle elezioni un dato imprevisto getta nuove ombre sulla ripresa economica britannica. L’indice che misura lo stato di salute del settore manifatturiero ha frenato a 51,9 punti, ai minimi da sette mesi.

Un altro colpo sotto la cintola, dopo le stime sul prodotto interno lordo di inizio 2015, per la campagna elettorale dei conservatori, i quali negli ultimi giorni avevano deciso di puntare tutto sui temi economici.

“È stata una delusione”, commenta Jan Randolph di IHS. “Lo 0,3% di crescita nel primo trimestre e la produzione che rallenta. Le cause? Di certo la sterlina forte e l’Europa che ancora non ha del tutto recuperato. Forse un po’ di prudenza da parte dei consumatori e delle aziende prima delle elezioni. Che quindi hanno avuto un effetto sui dati economici”, aggiunge.

È bastato che i laburisti menzionassero i tetti agli affitti, ad esempio, perché un miliardo di sterline di investimenti nelle costruzioni prendessero il volo.

Attualmente l’economia di Londra è sostenuta dai consumi interni, spiegano gli esperti, perché le aziende non investono e l’export subisce il cambio sfavorevole.

Il boom del mercato immobiliare pare arrivato al capolinea dopo la stretta sui mutui facili della Banca d’Inghilterra, i cui dati ora lanciano un allarme sull’eccessivo indebitamento delle famiglie derivante da un nuovo boom: quello del credito al consumo, ovvero scoperti e carte bancarie.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Riyadh si è discusso delle sfide del mercato mondiale del lavoro

Austria: industria metallurgica bloccata dagli scioperi

Dalle grandi industrie alle aziende a conduzione familiare: cresce il "Made in Qatar"