EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Morto al Libi, presunta mente degli attentati alle ambasciate Usa in Africa del 1998

Morto al Libi, presunta mente degli attentati alle ambasciate Usa in Africa del 1998
Diritti d'autore 
Di Giacomo Segantini Agenzie:  Reuters
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il processo a suo carico si sarebbe dovuto aprire il prossimo 12 gennaio. Ma Abu Anas al Libi in aula non ci sarà. Vero nome Nazih al Ragye, questo

PUBBLICITÀ

Il processo a suo carico si sarebbe dovuto aprire il prossimo 12 gennaio. Ma Abu Anas al Libi in aula non ci sarà. Vero nome Nazih al Ragye, questo cinquantenne libico sospettato di essere uno dei leader storici di al Qaeda è morto ieri nell’ospedale di New York dov’era ricoverato da mercoledì.

Presunta mente degli attentati alle ambasciate americane in Kenya e Tanzania del 1998 (224 morti in totale), era stato catturato nell’ottobre del 2013 a Tripoli, in Libia, durante un blitz delle forze speciali americane.

Portato negli Stati Uniti per essere processato, gli era stato diagnosticato un cancro al fegato. Secondo il suo avvocato, le sue condizioni si sono aggravate all’improvviso il mese scorso. Ad andare alla sbarra sarà ora l’altro imputato, Khalid al Faouaz, che, come al Libi, si era dichiarato non colpevole.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Israele: attacco con coltello in un centro commerciale in Galilea, due morti compreso attentatore

Terrorismo in Francia: arrestato ucraino filorusso, stava preparando un ordigno esplosivo