Dalle Baleari a Bacoli, il messaggio in bottiglia percorre duemila miglia

Il messaggio nella bottiglia, partito dalle Baleari e arrivato a Bacoli
Il messaggio nella bottiglia, partito dalle Baleari e arrivato a Bacoli Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Luca Palamara
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In seguito all’eco mediatica di televisioni e giornali spagnoli, il giovane di Bacoli che ha trovato il messaggio nella bottiglia è riuscito a mettersi in contatto con la famiglia del bambino spagnolo che l'ha scritto

PUBBLICITÀ

Un messaggio in una bottiglia. Sembra una favola per bambini o il titolo di una canzone, invece è quello che ha trovato un abitante di Bacoli, in provincia di Napoli, mentre passeggiava sulla sua spiaggia preferita.

Dario Grande racconta una storia dal sapore antico: “Col mare ho instaurato un rapporto esclusivo - dice - come se fosse un amico con il quale confidarsi, con il quale trovare anche delle risposte. Questo rapporto è andato avanti fino ai miei 38 anni e ancora oggi credo che il mare sia il mio migliore amico.”

Il bambino e la lettera in bottiglia

E il mare ha recapitato a Dario dalle Isole Baleari, in Spagna, un messaggio insperato, da parte di un bambino di undici anni, che racconta di sé e delle sue passioni.

La bottiglia ha percorso circa duemila miglia marine e, tre mesi dopo, dalle Baleari ha raggiunto Bacoli. Nel tempo della comunicazione veloce ed effimera di Internet e dei social, il messaggio nella bottiglia ha un sapore particolare per chi lo invia e per chi lo riceve.

Era destino che dopo un viaggio lungo e tortuoso la bottiglia con il suo messaggio arrivasse tra le mani di chi ne poteva apprezzare il contenuto: “Io dal mare spesso cerco delle risposte e, arrivare a leggere una lettera inviata da un bambino, è come se il mare mi avesse dato una risposta forte - racconta Dario - Un messaggio ben chiaro scritto da un bambino di undici anni e questa cosa mi ha veramente molto emozionato".

Il filo tra Bacoli e Maiorca

In seguito all’eco mediatica di televisioni e giornali spagnoli, Dario è riuscito a mettersi in contatto con la famiglia del bambino: “Il padre, oltre a ringraziarmi, ci ha tenuto a sottolineare l’importanza di mantenere la corrispondenza col bambino attraverso le lettere, la corrispondenza postale. Io, oltre a rispettare molto questa cosa, reputo che sia proprio questo il senso di quanto mi è accaduto".

A differenza di amici fittizi e virtuali sui social, le amicizie che nascono da un messaggio in una bottiglia sono destinate a durare.

“La mia speranza - conclude Dario Grande -  è quella di un domani andare lì a Maiorca, di incontrare quel bambino, stringergli la mano e raccontargli quella che è un po’ la mia vita, la mia terra, che è probabilmente molto simile alla sua, con gli stessi colori, gli stessi paesaggi, lo stesso mare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco i Paesi europei dove Internet è più veloce (e quelli in cui è più lento)

Internet nuoce alla salute? "Non ci sono prove", secondo uno studio di Oxford

Parte il treno della buonanotte da Praga a Bruxelles: il ritorno dei treni notturni in Europa