EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I decessi per morbillo nel mondo sono aumentati del 40% lo scorso anno

Un bambino riceve il vaccino contro il morbillo all'Indira Gandhi Children Hospital di Kabul, in Afghanistan, lunedì 15 marzo 2021.
Un bambino riceve il vaccino contro il morbillo all'Indira Gandhi Children Hospital di Kabul, in Afghanistan, lunedì 15 marzo 2021. Diritti d'autore AP Photo/Rahmat Gul
Diritti d'autore AP Photo/Rahmat Gul
Di Associated Press
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il morbillo è una delle malattie più infettive conosciute e si diffonde nell'aria quando una persona infetta tossisce o starnutisce

PUBBLICITÀ

I decessi per morbillo a livello globale sono aumentati di oltre il 40% lo scorso anno e i casi sono cresciuti dopo che i livelli di vaccinazione sono calati drasticamente durante la pandemia, hanno dichiarato le principali agenzie sanitarie.

La malattia altamente infettiva ha scatenato epidemie in 37 Paesi lo scorso anno, contro i 22 Paesi del 2021.

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e i Centri statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle malattie (Cdc) hanno dichiarato in un nuovo rapporto che ha provocato la malattia di nove milioni di bambini e ben 136.000 morti, soprattutto nei Paesi più poveri.

Il numero di casi di morbillo è aumentato di quasi il 20% dopo che i livelli di immunizzazione sono scesi ai minimi degli ultimi 15 anni durante la pandemia.

"L'aumento dei focolai di morbillo e dei decessi è sconcertante, ma purtroppo non inaspettato, dato il calo dei tassi di vaccinazione cui abbiamo assistito negli ultimi anni", ha dichiarato John Vertefeuille (dei Cdc) in un comunicato.

Due dosi di vaccino contro il morbillo sono altamente protettive contro la malattia: i bambini dei Paesi in via di sviluppo in Africa, Sud-Est asiatico, America Latina e India sono i più a rischio. 

L'Oms e il Cdc hanno dichiarato che i tassi di immunizzazione nei Paesi più poveri sono pari a circa il 66%, "un tasso che non mostra alcun recupero rispetto all'arretramento registrato durante la pandemia".

Il morbillo è una delle malattie più infettive conosciute e si diffonde nell'aria quando una persona infetta tossisce o starnutisce: è più comune nei bambini sotto i 5 anni.

I sintomi includono febbre, tosse, naso che cola e una caratteristica eruzione cutanea.

La maggior parte dei decessi è dovuta a complicazioni come encefalite, grave disidratazione, gravi problemi respiratori e polmonite. 

Le complicazioni sono più probabili nei bambini piccoli e negli adulti sopra i 30 anni.

Negli ultimi anni, la malattia è aumentata anche in alcuni Paesi ricchi: a luglio le autorità sanitarie britanniche hanno avvertito che il rischio di epidemie a Londra era estremamente elevato, e alcune aree della capitale hanno riferito che solo il 40% dei bambini era stato vaccinato.

I tassi di vaccinazione contro il morbillo nel Regno Unito non si sono mai ripresi del tutto da quando, più di due decenni fa, Andrew Wakefield, medico britannico screditato, ha affermato che il vaccino era collegato all'autismo. 

Nessuno studio scientifico ha mai confermato il legame, ma la ricerca di Wakefield ha portato milioni di genitori in tutto il mondo ad abbandonare il vaccino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa: morbillo, l'allarme dell'Oms sui casi annuali in aumento

Morbillo potrebbe diffondersi in Ucraina, aggravato dalla guerra

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas