EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Smaltire i postumi di una sbornia? Grazie all'iniezione di ormoni nei topi "ubriachi"

Il trattamento ormonale testato sui topi offre nuove speranze per curare l'ubriachezza negli esseri umani.
Il trattamento ormonale testato sui topi offre nuove speranze per curare l'ubriachezza negli esseri umani. Diritti d'autore Euronews / Canva
Diritti d'autore Euronews / Canva
Di Camille Bello - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'ormone, che si chiama FGF21, attira da anni l'attenzione degli scienziati: è prodotto dal fegato e svolge un ruolo significativo nell'aiutare - sia gli esseri umani che i topi - a processare determinati alimenti, come l'alcol, limitandone i tempi dell'effetto. Una ricerca della Texas University

PUBBLICITÀ

Gli scienziati sono stati in grado di far smaltire rapidamente la sbornia a... topi ubriachi.

Come? Aumentando i loro livelli di un ormone prodotto naturalmente che condividono con gli umani, dando speranza per una potenziale cura per i postumi di una sbornia.

La ricerca, condotta da scienziati del Southwestern Medical Center dell'Università del Texas (Usa), potrebbe un giorno essere la chiave per il trattamento dell'ubriachezza negli esseri umani.

L'ormone, che si chiama FGF21, attira da anni l'attenzione degli scienziati: è prodotto dal fegato e svolge un ruolo significativo nell'aiutare - sia gli esseri umani che i topi - a processare determinati alimenti, in particolare l'alcol.

Precedenti studi hanno scoperto che l'FGF21 aiuta diverse specie a combattere le conseguenze dannose dell'esposizione all'etanolo.

L'ormone sopprime il desiderio di alcol nei topi e pure nelle scimmie ubriache, stimola la sete di acqua (presumibilmente per proteggere dalla disidratazione causata dal consumo di alcol) e protegge dai danni al fegato indotti dall'alcol.

Per gli esseri umani, l'alcol è il più potente induttore dell'ormone.

Esperimenti con i topi ubriachi

Dopo 15 anni di lavoro con FGF21, Steven Kliewer - autore senior della ricerca commissionata dall'Università del Texas - e il suo team erano "curiosi di sapere cosa potrebbe fare FGF21 nel contesto di una dose veramente eccessiva di alcol... Una quantità da far perdere i sensi ai topi", ha spiega Kliewer a Euronews Next.

Gli scienziati hanno deciso di confrontare ciò che è accaduto dopo aver somministrato una singola dose "pesante" di alcol a due diversi gruppi di topi. Un gruppo è stato geneticamente modificato per non avere l'ormone e l'altro aveva una normale produzione di FGF21.

Gli esperimenti hanno anche valutato il risultato di dare a topi normali un'iniezione extra dell'ormone FGF21, sotto l'influenza dell'alcol.

L'ubriachezza è stata definita come la perdita del "riflesso di raddrizzamento", ovvero la capacità del topo di alzarsi in piedi dopo essere stato posizionato sulla schiena.

I topi che corrono nelle fogne di New York trasportano inconsapevolmente molte varianti di Covid, secondo quanto affermato da un recente studio del "Center for Influenza and Emerging Infectious Diseases" presso l'Università del Missouri.

Dopo aver ricevuto una singola dose di alcol, gli scienziati hanno scoperto che i topi di entrambi i gruppi metabolizzavano l'etanolo alla stessa velocità. Ma è interessante notare che quelli senza l'ormone FGF21 sono rimasti ubriachi più a lungo.

Allo stesso modo, quando i ricercatori hanno somministrato ai topi ubriachi una dose extra di FGF21, sono tornati sobri più velocemente degli altri, in media un'ora e mezza più velocemente.

"Siamo stati in grado di provocare un'accelerazione nel recupero dall'intossicazione", ha detto Kliewer, "e questo è stata un po' una sorpresa, perché questi topi avevano già FGF21".

PUBBLICITÀ

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Cell, ha anche rivelato che l'ormone FGF21 stimola il sistema nervoso noradrenergico, una parte specifica del cervello che controlla la vigilanza.

Il sistema nervoso noradrenergico consente, ad esempio, di proteggere i topi dalla perdita di equilibrio che subentra dopo l'eccessivo consumo di alcol.

"Potete immaginare che ci sarebbero importanti vantaggi evolutivi nel rimanere più vigili nel contesto dell'esposizione all'alcol in natura", ha detto Kliewer. "Insomma: in caso di sbronza!"

È improbabile che un topo o un altro animale sia esposto a livelli di etanolo che li renderebbero incoscienti, "ma anche bassi livelli di alcol possono influenzare il nostro giudizio, la nostra mobilità", ha spiegato.

PUBBLICITÀ

Alcuni animali, compresi i topi, consumano frutta e nettare che, una volta fermentato, si trasforma in alcol.

Gli scienziati conoscono "da molto tempo" il ruolo del fegato nel metabolizzare l'etanolo, "ma ora sappiamo che rilascia anche questo ormone che, almeno nei topi, agisce sul cervello per tenerli vigili", ha aggiunto Kliewer.

Gli esperimenti potrebbero essere replicati per far smaltire la sbornia agli umani ubriachi?

"Ovviamente siamo molto interessati a provare questi esperimenti sugli esseri umani", ha risposto Steven Kliewer.

"E un paio di elementi di prova suggeriscono che è probabile che questo percorso sia presente nelle persone... Negli esseri umani l'ormone FGF21 viene attivato bevendo solo un paio di drink. Sappiamo anche che l'alcol attiva la stessa parte del cervello attivata dal ormone nei topi".

PUBBLICITÀ

Ciò che resta da dimostrare è se l'ormone abbia lo stesso effetto positivo nel trattamento dell'ubriachezza negli esseri umani.

L'applicazione dell'esperimento sugli esseri umani è "oltre lo scopo del nostro laboratorio", afferma Kliewer, "ma speriamo di poter collaborare con i medici per esaminare questo aspetto in futuro".

La ricerca futura dovrà mappare i percorsi neurali attivati ​​in risposta a FGF21.

"L'intossicazione da alcol non è ben compresa, e quindi questo ci fornisce un nuovo mezzo, un punto d'appoggio, per comprendere meglio l'intossicazione nel suo insieme".

PUBBLICITÀ

L'idea sarebbe che i medici nei pronto soccorso potrebbero essere in grado di utilizzare l'ormone per proteggere e curare i pazienti che entrano con intossicazione acuta da alcol.

"In definitiva, vogliamo avvantaggiare l'umanità e noi stessi, naturalmente. Stiamo facendo questi esperimenti per cercare di rendere il mondo un posto migliore", ha concluso Steven Kliewer.

Tutti gli episodi di "Next"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amanti del caffè? Alti livelli di caffeina riducono il grasso e il rischio di diabete di tipo 2

Gli scienziati riesumano il virus "zombie" intrappolato per 48.500 anni nel permafrost dell'Artico

Il permafrost si scioglie e i laghi si prosciugano: la Siberia si sta riscaldando