EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gli scienziati riesumano il virus "zombie" intrappolato per 48.500 anni nel permafrost dell'Artico

Noticeably warmer temperatures in the Arctic are already thawing the region’s permafrost, the permanently frozen layer below Earth’s surface.   -
Noticeably warmer temperatures in the Arctic are already thawing the region’s permafrost, the permanently frozen layer below Earth’s surface. - Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Natalie Huet
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Temperature notevolmente più calde nell'Artico stanno già scongelando il permafrost della regione, lo strato permanentemente ghiacciato sotto la superficie terrestre

PUBBLICITÀ

I virus "zombie" che hanno trascorso fino a 48.500 anni congelati nel terreno potrebbero risvegliarsi quando il permafrost si scioglie, a causa del cambiamento climatico, avvertono gli scienziati.

Temperature notevolmente più calde nell'Artico stanno già scongelando il permafrost della regione, lo strato permanentemente ghiacciato sotto la superficie terrestre.

I ricercatori stanno ora cercando di valutare l'entità del rischio che i batteri e i virus intrappolati all'interno potrebbero rappresentare per gli esseri umani, e nel frattempo ne stanno facendo rivivere alcuni.

"Fortunatamente, possiamo ragionevolmente sperare che un'epidemia causata da un batterio patogeno preistorico rianimato possa essere rapidamente controllata dai moderni antibiotici a nostra disposizione - hanno scritto gli autori di uno studio - anche se i batteri portatori di geni di resistenza agli antibiotici sembrano essere sorprendentemente prevalenti nel permafrost".

Lo studio è stato pubblicato lo scorso febbraio sulla rivista **Viruses**ed avverte che "la situazione sarebbe molto più disastrosa nel caso di malattie vegetali, animali o umane causate dalla rinascita di un antico virus sconosciuto", per le quali non ci sarebbero cure specifiche o vaccini immediatamente disponibili.

Lo scongelamento del permafrost in Siberia è già stato collegato alle epidemie di antrace nelle renne, poiché le estati eccezionalmente calde hanno causato la ricomparsa di antiche spore di antrace dai cimiteri di animali.

In questo ultimo studio, il ricercatore francese Jean-Michel Claverie e il suo team sono riusciti a isolare e far rivivere diversi virus antichi dal permafrost, tra cui un ceppo di virus gigante (Pithovirus) trovato in un campione di permafrost di 27.000 anni contenente lana di mammut.

La maggior parte dei virus isolati apparteneva alla famiglia Pandoraviridae, virus con DNA a doppio filamento che infettano le amebe, organismi molto piccoli e semplici costituiti da una sola cellula.

Virus sconosciuti ancora da scoprire

"Questo studio - dicono gli autori - conferma la capacità dei grandi virus a DNA che infettano Acanthamoeba di rimanere infettivi dopo oltre 48.500 anni trascorsi nel profondo permafrost".

Per motivi di sicurezza, Claverie e il suo team si sono concentrati sul far rivivere virus preistorici che prendono di mira le amebe unicellulari, invece di animali o esseri umani.

Altri scienziati in Russia stanno attualmente cercando i "paleovirus" direttamente dai resti di mammut, rinoceronti o cavalli preistorici conservati nel permafrost.

"Senza la necessità di intraprendere un progetto così rischioso - afferma Claverie - riteniamo che i nostri risultati con i virus che infettano l'Acanthamoeba possano essere estrapolati a molti altri virus a DNA in grado di infettare esseri umani o animali".

Probabile che virus ancora sconosciuti vengano rilasciati mentre il permafrost si scioglie: "Per quanto tempo questi virus potrebbero rimanere infettivi - conclude - una volta esposti a condizioni esterne (luce UV, ossigeno, calore) e quanto è probabile che incontrino e infettino un ospite adatto nell'intervallo, è ancora impossibile da stimare.

Tuttavia, il rischio è destinato ad aumentare nel contesto del riscaldamento globale, in cui lo scongelamento del permafrost continuerà ad accelerare e sempre più persone popoleranno l'Artico sulla scia delle iniziative industriali".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Smaltire i postumi di una sbornia? Grazie all'iniezione di ormoni nei topi "ubriachi"

Covid, per l'Fbi la pandemia ha avuto origine in un laboratorio cinese

Ischia una tragedia che viene da lontano, legata a una natura del terreno molto particolare