Amanti del caffè? Alti livelli di caffeina riducono il grasso e il rischio di diabete di tipo 2

Canva-
Canva- Diritti d'autore Canva
Di Natalie Huet
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Buone notizie per i seguaci del caffè e dei suoi derivati: lo studio non raccomanda alcuna quantità che una persona dovrebbe assumere per mantenersi in salute

PUBBLICITÀ

Alti livelli di caffeina nel sangue possono aiutare a ridurre la quantità di grasso corporeo e persino il rischio di diabete di tipo 2, secondo una nuova ricerca.

Tuttavia, lo studio non raccomanda alcuna particolare quantità di caffè che una persona dovrebbe assumere per mantenersi in salute, e comunque attenzione a grassi e zuccheri contenuti nelle bevande con caffeina, che potrebbero compensare i benefici.

Precedenti ricerche avevano suggerito che bere da tre a cinque tazze di caffè - contenenti una media di 70-150 mg di caffeina - ogni giorno fosse associato a un minor rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Ma si trattava di studi osservazionali, il che rende difficile distinguere l'effetto pratico della caffeina da quello di altri fattori potenzialmente influenti.

L'ultimo studio, pubblicato sulla rivista ad accesso aperto BMJ Medicine, ha invece utilizzato una tecnica nota come randomizzazione mendeliana, che utilizza prove genetiche a sostegno di un effetto causale.

Esplorare il metabolismo della caffeina

I ricercatori hanno esaminato il ruolo di due varianti geniche comuni - che per definizione sono assegnate casualmente alla nascita - associate alla velocità del metabolismo della caffeina.

Le persone portatrici di varianti genetiche associate a un metabolismo della caffeina più lento bevono in media meno caffè, ma hanno livelli di caffeina nel sangue più elevati rispetto a coloro che la metabolizzano rapidamente.

I ricercatori hanno utilizzato queste varianti per determinare i livelli di caffeina nel sangue "predetti geneticamente" tra quasi 10.000 persone, che hanno preso parte a sei studi a lungo termine.

Hanno scoperto che livelli più elevati di caffeina nel sangue erano associati sia a un indice di massa corporea inferiore (BMI) sia a un ridotto rischio di diabete di tipo 2.

"Sono piccoli effetti che durano tutta la vita", ha detto a Euronews Next Dipender Gill, autore senior dello studio.

È noto che la caffeina stimola il metabolismo, aumenta la combustione dei grassi e riduce l'appetito, con un'assunzione giornaliera di 100 mg che si stima aumenti il dispendio energetico di circa 100 calorie al giorno.

I ricercatori hanno inoltre utilizzato la randomizzazione mendeliana per individuare la misura in cui l'effetto dei livelli di caffeina nel sangue sul rischio di diabete di tipo 2 potrebbe essere guidato dalla concomitante perdita di peso e hanno scoperto che ne rappresentava quasi la metà (43%).

Cosa significa questo per i "dipendenti" da caffè?

Se ritieni di dover ingurgitare troppe tazze di caffè per "funzionare" ogni giorno, ciò potrebbe significare che il tuo metabolismo della caffeina è del tipo più veloce, quindi i livelli di caffeina nel sangue si esauriscono rapidamente e devi fare rifornimento spesso per sostenerli e sentirne il beneficio.

Tuttavia, questo studio non dice se avere un metabolismo della caffeina veloce o lento ti espone a un rischio maggiore di obesità o diabete, ha avvertito Gill.

"A livello individuale, la velocità con cui metabolizziamo la caffeina ha un impatto così piccolo sul nostro peso corporeo che di per sé non lo spiega, ma l'approccio che utilizziamo aiuta a confermare o sostenere che esiste un effetto", ha spiegato.

In altre parole, lo studio mostra che ci sono prove genetiche che livelli più alti di caffeina nel sangue riducono il peso corporeo e il rischio di diabete, ma non c'è molto che possiamo carpire da questa scoperta a livello individuale, e certamente non dovremmo cambiare le nostre abitudini di consumo di caffè, basandole esclusivamente su questo studio.

Gli individui non dovrebbero modificare le loro preferenze dietetiche o il loro stile di vita basandosi solo sui risultati di questo studio, perché oltre ad avere potenziali effetti benefici, la caffeina può anche avere effetti dannosi, se consumata in eccesso
Dipender Gill
autore dello studio

I ricercatori chiedono ulteriori ricerche sui benefici delle bevande contenenti caffeina prive di calorie, per isolare ulteriormente l'effetto della caffeina e sfatare potenziali miti sul consumo di caffè.

"Quando le persone consumano il caffè, non è chiaro se sia l'effetto della caffeina nel caffè o delle altre sostanze che ci sono nel caffè: ce ne sono anche molte altre chimiche, inclusa l'acqua, in realtà solo il rimanere idratati fa bene alle persone ", ha spiegato Gill.

PUBBLICITÀ

Uno dei limiti dello studio è che ha esaminato persone di origine prevalentemente europea, i ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi clinici per convalidare e confermare le loro scoperte.

L'ideale sarebbe uno studio clinico randomizzato "che esamini in qualche modo l'alterazione terapeutica dei livelli di caffeina nel plasma di un individuo e gli effetti che ha su vari parametri metabolici", ha affermato Gill.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Giornata mondiale del diabete e le correlazioni coi problemi cardiaci

Smaltire i postumi di una sbornia? Grazie all'iniezione di ormoni nei topi "ubriachi"

Bere caffè fa bene al cuore. Riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari