Google lancia Gemini, l'intelligenza artificiale rivale di ChatGPT

Sundar Pichai, CEO di Alphabet, parla di Google DeepMind durante un evento Google I/O a Mountain View, California, il 10 maggio 2023.
Sundar Pichai, CEO di Alphabet, parla di Google DeepMind durante un evento Google I/O a Mountain View, California, il 10 maggio 2023. Diritti d'autore AP Photo/Jeff Chiu, File
Di Euronews, AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo Google, Gemini è in grado di ragionare meglio dei suoi rivali esistenti, come ChatGPT, l'intelligenza artificiale di Open AI.

PUBBLICITÀ

Google ha fatto un nuovo passo nell'ambito dell'intelligenza artificiale (IA) con il lancio del progetto Gemini, un modello di IA addestrato a comportarsi in modo simile a quello umano, che probabilmente intensificherà il dibattito sulle potenziali promesse e sui pericoli di questa tecnologia.

Il lancio avverrà per fasi, con versioni meno sofisticate di Gemini, chiamate "Nano" e "Pro", che saranno immediatamente incorporate nel chatbot di Google Bard e nello smartphone Pixel 8 Pro. Secondo Google, Bard diventerà poco a poco più intuitivo nelle attività che richiedono una pianificazione.

Sul Pixel 8 Pro, Gemini sarà in grado di riassumere rapidamente le registrazioni effettuate sul dispositivo e di fornire risposte automatiche sui servizi di messaggistica, a partire da WhatsApp, secondo Google.

I principali progressi di Gemini arriveranno solo all'inizio del prossimo anno, quando il modello Ultra sarà utilizzato per lanciare "Bard Advanced", una versione potenziata del chatbot che inizialmente sarà proposta solo a un pubblico di prova.

L'intelligenza artificiale funzionerà dapprima solo in inglese, anche se i dirigenti di Google assicurano che la tecnologia non avrà problemi a diversificarsi rapidamente in altre lingue. "Bard Advanced" di Google potrebbe essere in grado di effettuare un multitasking dell'IA senza precedenti, riconoscendo e comprendendo simultaneamente presentazioni con testo, foto e video. Gemini sarà anche integrato nel motore di ricerca dominante di Google, anche se i tempi di questa transizione non sono ancora stati precisati.

Una nuova era per Google

"Questa è una pietra miliare nello sviluppo dell'intelligenza artificiale e l'inizio di una nuova era per noi di Google", ha dichiarato Demis Hassabis, CEO di Google DeepMind, la divisione di intelligenza artificiale che si occupa di Gemini.

Google ha prevalso sui suoi concorrenti, tra cui la casa madre di Facebook Meta, per acquisire la società DeepMind quasi dieci anni fa, e da allora l'ha fusa con la sua divisione "Brain" per concentrarsi sullo sviluppo di Gemini. Secondo Google, la sua tecnologia è particolarmente abile in matematica e fisica, e potrebbe portare a scoperte scientifiche che miglioreranno la vita degli esseri umani.

Questa è una pietra miliare nello sviluppo dell'intelligenza artificiale e l'inizio di una nuova era per noi di Google
Demis Hassabis
CEO di Google DeepMind

Ma altri temono che la tecnologia finisca per eclissare l'intelligenza umana, causando la perdita di milioni di posti di lavoro e forse anche conseguenze più distruttivi.

"Stiamo affrontando questo compito con coraggio e responsabilità", ha scritto Sundar Pichai, CEO di Google. "Questo significa essere ambiziosi nella nostra ricerca e sapere che porterà enormi benefici alle persone e alla società, pur prevedendo misure di salvaguardia e lavorando in collaborazione con i governi e gli esperti per affrontare i rischi man mano che l'IA diventa più capace".

L'arrivo di Gemini probabilmente alzerà la posta in gioco in una competizione sull'IA che si è intensificata nell'ultimo anno, principalmente tra OpenAI e Google. Sostenuta dalla forza finanziaria e dalla potenza di calcolo di Microsoft, OpenAI era già impegnata nello sviluppo del suo modello di IA più avanzato, GPT-4, quando ha rilasciato il suo chatbot ChatGPT alla fine dello scorso anno.

Il chatbot alimentato dall'IA è diventato famoso in tutto il mondo, facendo parlare di sé per la promessa commerciale dell'IA generativa e spingendo Google a rilasciare Bard in risposta.

Cavalcare l'onda dell'IA generativa

Proprio mentre Bard arrivava sulla scena, OpenAI ha rilasciato GPT-4 a marzo e da allora ha sviluppato ulteriori funzionalità rivolte ai consumatori e alle aziende, tra cui una funzione presentata a novembre che consente al chatbot di analizzare le immagini.

L'azienda è in competizione con altre startup rivali nel campo dell'intelligenza artificiale, come Anthropic, e anche con il suo partner, Microsoft, che ha i diritti esclusivi sulla tecnologia di OpenAI in cambio dei miliardi di dollari che ha investito nella startup.

L'alleanza è stata finora una manna per Microsoft, il cui valore di mercato è salito di oltre il 50% quest'anno, soprattutto grazie alla convinzione degli investitori che l'IA si trasformerà in una miniera d'oro per l'industria tecnologica.

Anche la società madre di Google, Alphabet, ha cavalcato la stessa onda e il suo valore di mercato è aumentato di oltre 500 miliardi di dollari (460 miliardi di euro), pari a circa il 45%, quest'anno. Nonostante l'attesa che ha circondato Gemini negli ultimi mesi, le azioni di Alphabet sono scese leggermente.

Il crescente coinvolgimento di Microsoft in OpenAI nell'ultimo anno, unito ai tentativi più aggressivi di OpenAI di commercializzare i suoi prodotti, ha sollevato il timore che l'organizzazione no-profit si sia allontanata dalla sua missione originaria di proteggere l'umanità con il progresso della tecnologia.

Queste preoccupazioni sono state amplificate il mese scorso, quando il consiglio di amministrazione di OpenAI ha bruscamente licenziato l'amministratore delegato Sam Altman in seguito a una controversia che ruotava intorno a questioni di fiducia non rivelate. Dopo un'ondata di proteste che ha minacciato di distruggere l'azienda e di provocare un esodo di massa di talenti dell'IA verso Microsoft, OpenAI ha riassunto Altman come amministratore delegato.

È impressionante tutto ciò che è in grado di fare.
Eli Collins
Vicepresidente di Google DeepMind

Dopo l'uscita di Gemini, OpenAI potrebbe cercare di dimostrare che la sua tecnologia è più intelligente di quella di Google.

PUBBLICITÀ

"È impressionante tutto ciò che è in grado di fare", ha dichiarato Eli Collins, vicepresidente di Google DeepMind, parlando di Gemini.

In una conferenza stampa virtuale, Google ha rifiutato di condividere il numero di parametri di Gemini - una delle misure della complessità di un modello, ma non l'unica.

La versione più efficiente di Gemini ha superato Chat GPT-4 in esami a scelta multipla, in matematica e in altre competizioni. Alcuni informatici pensano che non sarà possibile fare molto con i modelli linguistici di grandi dimensioni, che funzionano prevedendo ripetutamente la parola successiva in una frase e sono inclini a commettere errori.

"Con Gemini abbiamo fatto molti progressi, è il nostro modello migliore da questo punto di vista. Ma ci sono ancora problemi da risolvere", ha concluso Collins.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'intelligenza artificiale? Un "pasticcio", secondo il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales

Valditara: stretta su smartphone e tablet alle scuole elementari e medie

Le app romantiche basate sull'IA possono rubarti il cuore. Ma anche dati e privacy