This content is not available in your region

Come garantire a tutti i bambini l'accesso all'educazione prescolare?

Di Galina Polonskaya
Come garantire a tutti i bambini l'accesso all'educazione prescolare?
Diritti d'autore  euronews   -  

Come garantire l'accesso a un'assistenza inclusiva e a un'educazione prescolare a tutti i bambini del pianeta? È uno dei temi principali della seconda conferenza mondiale dell'Unesco sulla cura e l'educazione della prima infanzia che si è svolta a Tashkent. Politici ed esperti di tutto il mondo si sono riuniti nella capitale dell'Uzbekistan per discutere strategie e prendere impegni.

Un quarto dei bambini tra i 5 e 6 anni non ha accesso all'educazione prescolare

"Nel mondo un quarto dei bambini tra i 5 e i 6 anni, all'incirca 33 milioni, non ha accesso alla scuola materna - dice Stefania Giannini, vicedirettrice generale dell'Unesco per l'Educazione -. Siamo qui per mobilitare gli Stati membri e tutte le parti interessate, per mobilitare tutte le comunità impegnate in questo campo, affinché venga garantito un più ampio accesso all'educazione della prima infanzia".

Stando a un recente rapporto dell'Unesco l'accesso a cura ed educazione della prima infanzia dipende ancora dallo status economico, anche nei Paesi ad alto reddito. "L'esclusione non è lineare - dice Anna Cristina D'Addio, analista dell'Unesco -. Ci sono sacche di esclusione estrema, con bambini che appartengono a gruppi particolari che sono davvero lasciati indietro. In Europa, ad esempio, i bambini rom sono rimasti indietro. Questo è un aspetto su cui dobbiamo agire e a cui dobbiamo dare priorità".

Esiste una grande disparità tra i Paesi a basso reddito e quelli più ricchi. Tra gli ospiti della conferenza anche Kailash Satyarthi: l'attivista per i diritti dei bambini e premio Nobel per la Pace ha lanciato un appello alla comunità internazionale. "Serve la volontà politica - dice Satyarthi -. Bisogna rispondere a domande difficili: perché vengono esclusi così tanti bambini? I bambini dei paesi subsahariani e in tutti gli altri Paesi a basso reddito stanno affrontando gravi crisi: crisi educative e sanitarie, crisi di sviluppo e dell'infanzia. Questo non può essere ignorato".

Come garantire l'accesso all'educazione in tempo di crisi?

Tra i temi della conferenza l'accesso a cure ed educazione in tempo di crisi. "Quando rispondiamo alle crisi, ci limitiamo a fornire riparo, cibo, kit igienici e altro, e tendiamo a dimenticare la fascia critica di bambini tra zero e cinque anni - dice Nour Jarrouj di Moving Minds Alliance -. Bisognerebbe tutelare la loro salute mentale e garantirgli spazi per giocare, imparare, esprimersi e avere un'infanzia normale".

È dimostrato che i primi anni di vita di un bambino sono cruciali per la formazione della sua capacità di apprendimento. I primi mille giorni sono i più importanti. Quando il bambino raggiunge i 3 anni, il 90% del cervello è già sviluppato. "Fin dai primi anni di vita il bambino sviluppa le competenze che saranno poi fondamentali per il suo percorso scolastico, per il suo benessere e per socializzare - dice Chloe Farrer, neuroscienziata cognitiva del Centro di ricerca sul cervello e la cognizione di Tolosa -. È importante che il bambino abbia molte esperienze. Esperienze sensoriali, linguistiche e socio-emotive".

I partecipanti alla conferenza hanno visitato alcune delle nuove scuole materne di Tashkent. In soli cinque anni il numero di bambini di 3 anni che frequentano le scuole materne in Uzbekistan è passato dal 27% al 70%. La dichiarazione sottoscritta al termine della conferenza contiene una serie di linee guida che hanno il 2030 come orizzonte temporale: è stata data particolare attenzione a sfide globali come il cambiamento climatico e le pandemie.