EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni europee: la posizione dei partiti sulle politiche antidiscriminatorie

I cittadini dell'UE e i migranti sono vittime di discriminazioni per motivi di razza, orientamento sessuale o credo religioso.
I cittadini dell'UE e i migranti sono vittime di discriminazioni per motivi di razza, orientamento sessuale o credo religioso. Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.Euronews
Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Isabel Marques da Silva
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le indagini sul razzismo nell'Ue mostrano che il problema si sta aggravando

PUBBLICITÀ

Il razzismo è in aumento e le Ong hanno messo in guardia l'Ue. Tuttavia, solo due dei sette partiti politici del Parlamento europeo chiedono la rapida adozione di una direttiva per combattere la discriminazione in vista delle elezioni europee.

Euronews ha esaminato i manifesti dei principali partiti politici in lizza per alcuni dei 720 seggi in palio al Parlamento europeo dopo le elezioni del 6-9 giugno. Ne è emerso che solo i Socialisti e Democratici (S&D) e la Sinistra hanno promesso chiaramente di spingere per l'adozione della direttiva.

Il Partito Popolare Europeo (Ppe), Rinnovare l'Europa e i Verdi/Efa fanno riferimento alla necessità di combattere tutte le forme di discriminazione, razzismo ed esclusione, ma non menzionano il disegno di legge.

Enar chiede di estendere il piano contro il razzismo oltre il 2025

La Rete europea contro il razzismo (Enar), che ha esortato i candidati a firmare un impegno a combattere il razzismo durante il loro mandato in vista del voto a livello di blocco, chiede ad esempio che il Piano d'azione contro il razzismo dell'Ue venga esteso oltre il 2025 e che venga rivisto l'attuale testo della direttiva, al momento bloccata dal Consiglio Ue.

"Crediamo che forse questa sia un'opportunità per valutare il testo e adottare un quadro giuridico rinnovato sulla non discriminazione che possa coprire tutte le forme di discriminazione, perché ci sono delle lacune nell'attuale testo della direttiva sulla parità di trattamento", ha dichiarato a Euronews Julie Pascoët, coordinatrice politica dell'Enar.

"Ci sono cose che rimangono irrisolte: la razzializzazione delle politiche migratorie, il sistema economico di sfruttamento, la narrativa anti-musulmana", ha aggiunto.

Una tendenza al rialzo

Nel 2008 la Commissione europea ha fatto un primo tentativo di creare una legge completa sulla lotta a tutti i tipi di discriminazione, oltre alle norme esistenti per il mercato del lavoro. Gli eurodeputati hanno adottato diverse risoluzioni, hanno tenuto un dibattito plenario sul tema nell'ottobre 2019 e hanno approvato la loro ultima posizione nel novembre 2022.

Ma il Consiglio europeo, che riunisce i 27 Stati membri, ha bloccato la direttiva e alcuni governi sostengono che viola le competenze nazionali e che sarebbe troppo costosa da attuare. La presidenza svedese del Consiglio dell'Ue ha pubblicato una relazione sui progressi compiuti nel maggio 2023, ma non è stato possibile raggiungere i voti necessari per sbloccare la direttiva.

Secondo l'europarlamentare svedese Alice Kuhnke (Verdi/Efa), relatrice della direttiva Ue contro la discriminazione, l'attuale clima politico, con le forze di destra e di estrema destra che dovrebbero acquisire maggiore influenza nel Parlamento Ue, rende più urgente l'adozione del testo.

"Credo che diversi Stati membri siano esitanti e non vogliano che questa direttiva antidiscriminazione diventi realtà. Temono un mostro che non esiste e penso che dobbiamo chiamarli in causa", ha dichiarato a Euronews. "Non dovrebbe essere accettabile accettare la discriminazione", ha detto Kuhnke, che in qualità di ex ministra della Cultura e della Democrazia ha modificato la legislazione antidiscriminazione in Svezia.

"Sappiamo per certo che le persone nere che vivono nell'Ue, ma anche le persone Lgbtqi+ e le persone di origine Rom, sono alcune delle persone che affrontano la discriminazione nella loro vita quotidiana. E la cosa tragica è che non si tratta di una tendenza in diminuzione, ma di una tendenza in aumento", ha dichiarato l'eurodeputata a Euronews.

Il nuovo patto sull'immigrazione potrebbe peggiorare la situazione

Un sondaggio Eurobarometro pubblicato nel dicembre 2023 ha rilevato che più della metà degli oltre 26.400 intervistati nei 27 Stati dell'Ue afferma che nel proprio Paese è diffusa la discriminazione sulla base dell'essere rom, del colore della pelle, dell'origine etnica, dell'identità di genere o dell'orientamento sessuale.

Circa un quinto degli intervistati ha dichiarato di essersi sentito personalmente discriminato o di aver subito molestie nei dodici mesi precedenti, con un aumento di quattro punti percentuali rispetto al sondaggio del 2019.

L'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (Fra) ha rilevato in un sondaggio pubblicato lo scorso ottobre che il 45 per cento delle persone nere afferma di aver subito discriminazioni razziali nei cinque anni precedenti il sondaggio, rispetto al 39 per cento dell'edizione 2018.

Secondo Kuhnke, il nuovo patto sulla migrazione e l'asilo, recentemente adottato, potrebbe infiammare ulteriormente la situazione. "Temo che il patto sulla migrazione e le sue varie parti non ci aiuteranno a combattere il razzismo e la discriminazione. Al contrario", ha detto.

Nel frattempo, l'Enar sta spingendo affinché i partiti abbiano una lista di candidati più diversificata, in particolare per quanto riguarda le forze progressiste. "In che misura le istituzioni europee rappresentano davvero la diversità delle persone in Europa e altrove? C'è stato sicuramente un deficit nel modo in cui le minoranze etniche, ad esempio, sono rappresentate nella più grande casa democratica dell'Unione europea", ha detto Pascoët.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: vietato discriminare una persona in base ai capelli, il parlamento approva la legge

Discriminazioni di genere: la "Canal Productions" di De Niro dovrà risarcire l'ex assistente

"Troppi neri in squadra!": Nizza, arrestati per discriminazione l’allenatore del Psg e il figlio