EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Von der Leyen in Sudamerica: obiettivo accordo Ue-Mercosur

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen con il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen con il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva Diritti d'autore Gustavo Moreno/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Gustavo Moreno/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Isabel Marques da Silva
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il maxi patto commerciale è argomento di discussione principale con i Paesi della regione, con Lula che non risparmia una stoccata gli europei

PUBBLICITÀ

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è in Sudamerica, per un viaggio che ha come obiettivo il rafforzamento di una partnership strategica: nel complicato contesto geopolitico attuale, l'Unione considera i Paesi del continente alleati sempre più preziosi.

Ue-Mercosur, un accordo complicato

A Buenos Aires, Von der Leyen e il presidente argentino Alberto Ángel Fernández hanno firmato un memorandum d'intesa per una più stretta cooperazione sulle materie prime.

La tappa precedente era stata il Brasile, dove in una conferenza stampa con il presidente Luiz Inácio Lula da Silva, von der Leyen aveva esortato ad accelerare la conclusione dell'accordo fra l'Unione e i Paesi del Mercosur, sottoscritto nel 2019 ma mai ratificato dagli Stati europei e ora in stallo.

"Entrambi crediamo che sia giunto il momento di concludere l'accordo Ue-Mercosur. Entrambi abbiamo l'ambizione di farlo il prima possibile, al massimo entro la fine dell'anno", le parole di von der Leyen.

"Il presupposto che deve esistere tra partner strategici è quello della fiducia reciproca, non della sfiducia e delle sanzioni"
Luiz Inácio Lula da Silva
Presidente del Brasile

Preoccuapzioni ambientali

Lo scorso marzo la Commissione aveva chiesto di stabilire requisiti ambientali più severi ai Paesi del blocco del Mercosur - Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay - per convincere i governi europei a ratificare l'accordo.

Ma i cambiamenti e le aggiunte dell'ultimo minuto non convincono Brasilia, che contesta l'approccio sospettoso dell'Unione per un accordo che sarebbe il più grande della sua storia, in termini di volumi delle merci coinvolte.

"Il presupposto che deve esistere tra partner strategici è quello della fiducia reciproca, non della sfiducia e delle sanzioni", ha affermato Lula durante la conferenza stampa.

La lettera inviata dalla Commissione a marzo non menziona esplicitamente le sanzioni, ma propone di rendere obbligatori alcuni obiettivi ambientali stabiliti dall'Accordo di Parigi sul Clima. E almeno tre paesi dell'Unione hanno minacciato di non ratificare il patto commerciale in assenza di requisiti climatici più severi.

Non sarebbe un dramma, per Adrian Bonilla, direttore esecutivo della Fondazione Eu-Lac, dedicata allapprofondimento della cooperazione tra Europa e Sudamerica.

"Dobbiamo ricordare che il commercio tra l'Ue e i paesi del Mercosur è aumentato negli ultimi 20 anni, anche senza un accordo. Ogni difficoltà strategica nasce da una volontà politica".

Dopo l'Argentina, Ursula von der Leyen visiterà anche Cile e Messico, mentre i negoziatori europei e sudamericani si incontreranno alla fine del mese. La strada dell'accordo fra Unione europea e Mercosur è tracciata, ma va percorsa fino in fondo per arrivare a un'intesa definitiva

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cile, si è insediato il presidente Gabriel Boric: sarà un riferimento per la sinistra in Sudamerica?

Ondata di calore in Europa: temperature record in Romania, per l'Italia inizia la settimana peggiore

Guerra in Ucraina, "Serve almeno un decennio per bonificare i territori dalle mine"