EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ungheria a corto di medici. Molti lasciano il paese in cerca di stipendi migliori

Doctors and nurses wearing protective gears attend a patient on ventilator at the ICU of Szent Laszlo Hospital, in Budapest, treating COVID-19 patients, Dec. 13, 2021.
Doctors and nurses wearing protective gears attend a patient on ventilator at the ICU of Szent Laszlo Hospital, in Budapest, treating COVID-19 patients, Dec. 13, 2021. Diritti d'autore Zoltan Balogh/MTI via AP
Diritti d'autore Zoltan Balogh/MTI via AP
Di Lili Rutai
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Lo scorso anno oltre 800 medici ungheresi hanno richiesto un certificato per esercitare al di fuori del proprio paese

PUBBLICITÀ

Ungheria a corto di medici. Nonostante gli sforzi del governo, il personale medico sta lasciando il paese in cerca di salari migliori e condizioni di lavoro più accettabili. Molti stanno chiedendo trasferimento o stanno cercando lavoro in paesi dell'Europa occidentale, lasciando il sistema sanitario ungherese alle prese con strutture a corto di personale.

Lo scorso anno oltre 800 medici ungheresi hanno richiesto un certificato per esercitare al di fuori del proprio paese, secondo i dati ufficiali, portando a 8.500 il numero totale rilasciato nell'ultimo decennio.

Questo potrebbe creare una situazione di emergenza in un paese con poco più di 33.000 medici su una popolazione di 9,7 milioni, ovvero circa 3,5 medici ogni 1.000 abitanti, un numero inferiore alla media di 3,9 dell'Unione europea.

Nel 2022 i reparti degli ospedali ungheresi sono stati chiusi per un totale di oltre 46.000 giorni. Poco più di un terzo di quei giorni (15.000) è stato attribuito alla mancanza di personale, un 8% (3.729 giorni) invece è stato attribuito alla mancanza di beni di prima necessità.

Per la Direzione Generale Nazionale per gli Ospedali (OKFŐ), l’Ungheria non sarebbe alle prese con una “emigrazione sistemica” dei suoi operatori sanitari. “Sulla base dei certificati rilasciati - a nostro avviso - l'assistenza sanitaria ungherese non è affatto minacciata dall'impiego di operatori sanitari all'estero”, ha aggiunto l’OKFŐ. Anzi la Direzione, che esercita i diritti di proprietà statale in 102 ospedali, ha aggiunto che il numero di medici è cresciuto del 10% dal 2010.

Una vita divisa tra lavoro e famiglia

Eppure, secondo i dati di una compagnia di assicurazione sanitaria, nel marzo 2023 circa 40.000 persone erano in attesa di un intervento chirurgico, con i tempi di attesa che avevano raggiunto i massimi storici.

La carenza di personale era già stato un problema durante la pandemia di Covid-19, quando gli ospedali ungheresi avevano registrato erano al secondo posto per il numero più alto di decessi in Europa per 100.000 abitanti.

Durante la crisi sanitaria globale, **Péter Körmendi,**ha curato pazienti in unità di terapia intensiva sia in Ungheria che nella vicina Austria. La più grande differenza, nella sua esperienza, è il rapporto tra paziente e infermiere. “In Austria, un'infermiera si prendeva cura di uno o due pazienti. In Ungheria anche di 4 o 5 pazienti”.

Körmendi ora lavora a Wiener Neustadt, in Austria, ma mantiene la residenza a Sopron, una città al confine. Questo, ha detto, è il meglio di entrambi i mondi: la qualità del lavoro in Austria, ma anche la vicinanza alla sua famiglia ungherese. Tuttavia, ci vorrebbe un "miracolo" per tornare in Ungheria a tempo pieno.

Körmendi è anche amministratore del gruppo Facebook dei medici ungheresi in Austria con oltre mille membri, il 70% di loro sono praticanti.

"Ogni giorno, per sei anni, tre medici e due infermiere hanno lasciato l'Ungheria", ha detto al Guardian nel 2015 János Bélteczki, Direttore dell'Associazione dei medici ungheresi. Oltre 200 medici si sono trasferiti nel Regno Unito in quell'anno. Germania, Austria, Regno Unito e Svezia sono state le destinazioni più gettonate tra il 2010 e il 2019.

La spesa per l'assistenza sanitaria

Nel 2020, il governo, guidato dal Primo ministro nazionalista Viktor Orbán, ha speso solo il 7,3% del PIL per l'assistenza sanitaria rispetto a una media Ue del 10,9%. Lo stato ha introdotto un aumento salariale dell'11% per gli operatori sanitari nel febbraio 2023, il che significa che i medici fuori dall'università ora vengono pagati 1.800 euro lordi al mese. Un terzo di quello che molti guadagnano all'estero.

Per Réka Osváth, 25 anni specializzanda in Psichiatria, non si tratta solo di soldi. Lei ha frequentato l'Università di Medicina in Ungheria e ha trascorso un semestre all'estero a Neukirchen, in Austria, dove ha deciso di iniziare la sua carriera.

"È stato l'ambiente, l'ospedale stesso, le persone, la disponibilità di tutti i tipi di attrezzature, che ti fanno sentire un medico ma anche una persona soddisfatta", ha detto a Euronews.

Lavorando più di 200 ore al mese, Osváth vive vicino al confine e trascorre tutto il tempo che può a Budapest, dove vivono i suoi amici e il suo compagno, ed è qui nella capitale ungherese che vuole formare una famiglia. Tornerà presto a casa per iniziare una nuova vita nella città di Vác, ha detto, "nonostante guadagnerò solo un terzo di quello che guadagnavo all'estero".

Osváth dovrebbe diventare Psichiatra tra cinque anni e spera di passare poi al settore privato, che è diventato sempre più un rifugio per gli operatori sanitari. "Le più grandi istituzioni private ora offrono un ambiente di lavoro e una qualità simili a quelli dei migliori ospedali privati austriaci o tedeschi", ha sottolineato Róbert Lancz, presidente del gruppo sanitario privato Primus.

Tra pubblico e privato

Il ritorno di medici ungheresi, che in precedenza avevano lavorato all'estero, come Osváth, "rafforza i gruppi medici delle cliniche private leader di mercato", ha aggiunto Lancz.

Doktor24, un operatore sanitario privato in comproprietà di Lancz, offre una vasta gamma di servizi a prezzi elevati: consulto cardiologico a 90 € e chirurgia artroscopica del ginocchio a partire da 1.000 €. Questi prezzi sono spesso fuori portata per un cittadino ungherese medio perché lo stipendio medio è di € 950 al mese. Ma per la chirurgia del ginocchio, i pazienti che usufruiscono del servizio sanitario nazionale dovrebbero aspettare un anno intero, secondo i dati di marzo.

PUBBLICITÀ

La retribuzione nel settore privato è più allettante che negli ospedali statali, il divario tra pubblico e privato si sta allargando e una parte relativamente piccola della popolazione può accedere all'assistenza sanitaria privata. Ecco perché i professionisti sono oberati di lavoro, molti reparti vengono chiusi, e i tempi di attesa per le visite sono inaccettabili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Carenza di medici di base in Francia. A Mulhouse 5mila pazienti senza supporto

Multa di 32.000 euro ad una storica catena di librerie: "contenuti omosessuali" in un fumetto

Guida alle elezioni europee 2024: tutto quello che c'è da sapere per il rinnovo dell'Europarlamento