La mediatrice europea Emily O'Reilly: "La fiducia va preservata per avere autorità morale"

Emily O'Reilly
Emily O'Reilly Diritti d'autore European Union, 2022.
Diritti d'autore European Union, 2022.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ai microfoni di Euronews, la mediatrice irlandese spazia a tutto campo tra i recenti scandali che hanno visto protagonisti esponenti dell'Unione europea

PUBBLICITÀ

I crescenti scandali politici che assediano l'Unione europea rischiano di avere un "effetto boomerang" sulla percezione e sulla fiducia dei cittadini nell'intero progetto di integrazione europea, ha avvertito Emily O'Reilly.

"La fiducia è molto fragile e deve essere preservata per avere autorità morale": questo è il messaggio chiave che la mediatrice europea ha condiviso con Euronews, dopo gli scandali che hanno scosso Bruxelles.

A partire dalla corruzione in seno al Parlamento europeo.

"Bruxelles, per la maggior parte delle persone, è un'idea molto lontana - dice - sono quasi predestinate a diffidare perché non la capiscono: pertanto, la fiducia che può esistere tra l'Unione europea e i suoi cittadini è piuttosto fragile e quindi, quando l'Ue fa cose che danneggiano questa fiducia, può avere un effetto quasi distruttivo sulla fiducia dei cittadini".

Negli ultimi mesi, Bruxelles è stata al centro di un numero insolitamente elevato di controversie che hanno attirato molte critiche e controlli sul modo in cui i politici europei conducono il loro lavoro quotidiano.

Gli scandali includono i messaggi di testo inediti tra la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen e l'amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, sull'approvvigionamento dei vaccini, i voli gratuiti pagati dal Qatar a un alto funzionario dell'Ue, un accordo sottobanco per la nomina del segretario generale del Parlamento europeo e le "porte girevoli" messe in luce da un'aggressiva campagna di lobbying di Uber.

In qualità di ufficio principale incaricato di indagare sui casi di cattiva amministrazione nelle istituzioni dell'Unione, la mediatrice europea è stata coinvolta in tutte queste polemiche, puntando il dito contro gli illeciti, chiedendo chiarimenti e formulando raccomandazioni.

"È necessario tracciare i punti tra i piccoli incidenti che potrebbero non essere ritenuti particolarmente importanti e il quadro generale, il modo in cui portano o possono portare alla sfiducia dei cittadini nei confronti dell'intero progetto dell'Unione europea - ha detto O'Reilly a Euronews - è molto importante che l'Ue agisca secondo i più alti standard etici possibili per proteggere la sua legittimità politica".

Tra la miriade di titoli dei giornali, nessun altro scandalo ha catturato più attenzione e censura dello scandalo di corruzione del Parlamento europeo.

L'intricata saga è incentrata su uno schema di denaro in cambio di favori che avrebbe visto il Qatar e il Marocco versare ingenti somme di denaro e regali sostanziosi ai legislatori, nel tentativo di influenzare il processo decisionale all'interno dell'emiciclo.

Entrambi i Paesi negano qualsiasi illecito.

Cinque persone, tra cui due eurodeputati in carica, sono state accusate penalmente nell'ambito dell'indagine in corso, un terzo legislatore sta lottando contro l'estradizione dall'Italia al Belgio.

La Polizia belga ha sequestrato oltre 1,5 milioni di euro in contanti in decine di perquisizioni domiciliari e negli uffici, oltre a requisire i pc parlamentari per impedire la cancellazione di dati fondamentali.

"La situazione era piuttosto drammatica - dice l'ombudsman riferendosi al Qatargate - abbiamo visto letteralmente banconote, valigie: a tutti è stata servita un'idea di corruzione simile a quella dei cartoni animati.

Certo, se si guarda al Parlamento e al modo in cui molte delle regole e dei codici che dovrebbero proteggerlo dalla corruzione non vengono realmente applicati e monitorati, , anche se ce ne sono molti, suppongo che, in un certo senso, questo sia stato una sorta di scandalo o incidente preventivabile".

Euronews 2023
Emily O'ReillyEuronews 2023

La mediatrice non è sembrata particolarmente sorpresa dai presunti scambi di denaro: a suo avviso, le norme anticorruzione messe in atto dal Parlamento europeo "non sono realmente applicate e monitorate", aprendo una scappatoia che può rendere più facile nascondere le malefatte.

Subito dopo lo scandalo, la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, ha presentato una serie di misure per reprimere la cattiva condotta, come nuove regole di accesso alle sedi parlamentari e dichiarazioni più dettagliate sui conflitti di interesse.

Poiché le riforme non sono ancora definitive, O'Reilly ha evitato di trarre conclusioni nette, ma ha detto che il suo ufficio ha fornito idee all'ufficio di Metsola su come progettare un "buon quadro etico".

PUBBLICITÀ

"Quando c'è uno scandalo, le cose tendono ad accadere in modo molto rapido e drammatico - ha ribadito - tutto procede in modo compiacente per molti, molti anni, persino decenni. 

Poi c'è uno scandalo e improvvisamente tutti vogliono fare qualcosa per sistemare questa cosa, anche se è stata in bella vista per un bel po'".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Violenze contro i migranti in Croazia: Commissione UE chiede a Zagabria di collaborare

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"