Ursula von der Leyen alla Cop27: "Fondi per i danni legati al clima"

Access to the comments Commenti
Di Jeremy Wilks
La presidente della Commissione Ursula von der Leyen è intervenuta durante la prima giornata della Cop27
La presidente della Commissione Ursula von der Leyen è intervenuta durante la prima giornata della Cop27   -   Diritti d'autore  Ludovic Marin/AP   -  

I concetti di perdita e danno, in relazione ai cambiamenti climatici, stanno diventando cruciali nelle discussioni della Cop27 a Sharm El-Sheikh L'idea è quella di far pagare ai responsabili dell'inquinamento i danni prodotti nei Paesi in via di sviluppo, come ha spiegato a Euronews la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Le parole di von der Leyen

"È un argomento importante e sono felice che questa volta sia un punto all'ordine del giorno nella Cop27. Non lo era mai stato prima d'ora. Quindi ora è importante definire precisamente di cosa si tratta, e poi guardare quali risorse finanziarie sono disponibili. E non sto parlando dei 100 miliardi promessi per i finanziamenti legati al cambiamento climatico, budget in cui l'Unione Europea sta facendo la sua parte con una quota di 23 miliardi. Mi riferisco invece ad altri fondi che dobbiamo valutare".

Il modo più semplice sarebbe forse una tassa sugli extra-profitti delle società energetiche. Perché non viene imposta?

"Nella legislazione dell'Unione Europea abbiamo appena aperto la possibilità per gli Stati Membri di introdurre una tassa del genere, per recuperare gli extra- profitti realizzati dalle aziende produttrici di energia".

"State cercando di convincere anche gli altri leader mondiali a fare lo stesso?"

Non sono io a doverglielo dire, ma posso mostrare loro che funziona nell'Unione Europea e che gli Stati membri utilizzano questi soldi per sostenere le famiglie e le imprese vulnerabili. Quindi questo è un approccio mirato, ed è assolutamente la cosa giusta da fare. Penso che sia un contributo di crisi che le aziende produttrici di energia dovrebbero dare.

Una delle altre critiche indirizzate dai Paesi più poveri verso quelli più ricchi è che questi ultimi stanno tenendo per sé alcune delle nuove tecnologie: le auto elettriche, le batterie... C'è abbastanza equità in questa transizione o stiamo solo cercando di realizzarla in Europa e non altrove?

"E' un punto molto importante. Prendiamo, ad esempio, i tre accordi alla Cop 27. Uno è stato con il Kazakistan sull'idrogeno rinnovabile e sulle batterie. Quello che stiamo facendo in questo caso è portare investimenti, anche privati nella regione: quindi il Kazakistan può sviluppare la sua catena produttiva. Ma non si tratta di un rapporto in esclusiva. Sono loro a decidere quanto aumentare la produzione e dove esportare".

Nella prima giornata della Cop27, von der Leyen ha anche ribadito l'impegno europeo per la protezione delle foreste mondiali: "A Glasgow ci siamo impegnati a proteggere la salute dei polmoni del nostro pianeta: le nostre foreste. La Commissione europea si è impegnata a stanziare un miliardo di euro", ha detto la presidente dell'esecutivo comunitarionel corso del suo intervento al summit del Forests & Climate Leaders' Partnership.  "Ora stiamo aumentando i finanziamenti, le nuove regole per un commercio rispettoso delle foreste e i partenariati per la conservazione".