This content is not available in your region

L'analisi: come considerano gli abitanti cechi l'inizio della loro presidenza del Consiglio dell'Ue?

Access to the comments Commenti
Di Méabh Mc Mahon
Méabh Mc Mahon
Méabh Mc Mahon   -   Diritti d'autore  Méabh Mc Mahon

La corrispondente di Euronews Méabh Mc Mahon racconta il suo viaggio a Praga, mentre la Repubblica Ceca assume la presidenza del Consiglio dell'Unione europea a partire da questo mese.

"Mi dispiace, non lo so" è stata la risposta ripetuta alla domanda: "Sapeva che i cechi sono attualmente alla presidenza dell'Unione europea?".

Siamo nel quartiere Letná di Praga: un quartiere alla moda dove, secondo Jiri, il cameraman locale, "tutti vogliono vivere".

Lì incontriamo Mikulas Peksa, un legislatore europeo che si trova per lo più a Strasburgo o a Bruxelles, ma poiché è venerdì, il giovane politico sta lavorando da casa.

Mi dice che la presidenza ceca darà un grande impulso al suo Paese, ancora ferito dalla cattiva stampa generata dall'ex primo ministro Andrej Babis.

"Di solito, se vivi in un Paese come la Repubblica Ceca, ti aspetti che siano gli altri, come gli Stati Uniti, la Germania, la Francia e la Russia, a decidere il tuo destino, e vedi le cose più importanti sui media, ma ora sono i cechi e il nostro primo ministro a partecipare a questo teatrino, il che è davvero interessante", dice Peksa.

Euronews
EuronewsEuronews

Scandali politici

La maggior parte delle persone con cui parliamo di politica, sia locale che europea, alza gli occhi al cielo: la loro fiducia nell'autorità sembra sottile. 

L'ex premier, che è stato al potere dal 2017 al 2021, è accusato di frode sui sussidi dell'Unione europea per la sua azienda agricola fuori Praga.

Quando a dicembre ha giurato una nuova coalizione con cinque partiti, quest'ultima ha promesso di eliminare la corruzione ma, alla vigilia della presidenza Ue, si è scatenato uno scandalo che ha costretto il ministro dell'Istruzione, Petr Gazdík, a dimettersi.

Era un membro del Movimento dei Sindaci e Indipendenti (STAN), il secondo dei cinque partiti che formano la coalizione di governo nazionale.

"Lo scandalo ha naturalmente indebolito molto il partito, mentre gli altri della coalizione ne hanno risentito solo in minima parte, ma il gruppo di governo è ancora saldo", dice Petr Just, dell'Università metropolitana di Praga, secondo il quale il governo ha una maggioranza confortevole ma, se lo STAN si ritirasse, perderebbe il suo sostegno.

A capo dello STAN c'è Vit Rakušan, vice premier e ministro degli Interni: ci sediamo con lui per una cena informale insieme ad altri giornalisti di Bruxelles.

"Abbiamo molti problemi importanti, l'inflazione è una delle più alte dell'Unione", dice: l'ex sindaco snocciola tutti gli argomenti che ha in serbo per i prossimi sei mesi.

Con tante cose da sistemare "in casa propria", dall'aumento dei prezzi di gas, elettricità, acqua e cibo, come farà ad avere il tempo di guidare l'Europa? Come la pensano i suoi elettori?

"Qui si percepisce una certa delusione nei confronti dell'Unione europea - dice - le imprese ceche, i cittadini cechi non sentono l'impatto sulla loro vita, ci sono troppe regole e troppa burocrazia: sarebbe più facile se fossimo nell'Eurozona".

Il ministro degli Interni afferma che cercherà di portare risultati ai cittadini in patria e all'estero, come anche far aderire Croazia, Romania e Bulgaria a Schengen.

"La porta è ancora chiusa e la gente in questi Paesi sta perdendo la speranza, sta perdendo la fiducia nell'Ue", aggiunge.

Petr Just afferma che i cittadini in generale sono consapevoli della presidenza del Consiglio europeo, ma non la considerano importante.

"Ciò deriva dall'approccio generale della società ceca nei confronti dell'Unione, che è piuttosto freddo e distante: la gente non sa molto di come funziona l'Ue", aggiunge.

La priorità rimane l'Ucraina

Al di là del riscaldamento globale, della migrazione e dell'inflazione alle stelle, la prima priorità della presidenza ceca sarà l'Ucraina: cercare di fermare la guerra e aiutare le persone colpite.

Con culture e lingue simili, la Repubblica Ceca è per la prima volta un Paese ospitante: sono arrivati, infatti, oltre 300.000 ucraini, soprattutto donne e bambini.

Il dilemma è se "integrarli" o semplicemente "adattarli": "L'Ucraina li vuole indietro quando sarà sicuro per loro tornare", dice Rakusan, aggiungendo che molti hanno trovato lavoro e hanno imparato a parlare "perché è una lingua così simile all'ucraino".

Visitiamo l'ambasciata russa a Praga, dove le luci sono accese e c'è qualcuno nell'edificio, ma lo splendido palazzo arroccato in un parco è circondato dal nastro della Polizia da quando i locali hanno imbrattato l'ingresso con sangue finto.

"Dopo l'attacco russo all'Ucraina, la gente ha iniziato a preoccuparsi di più della difesa e della sicurezza", dice Just, aggiungendo che la popolarità della Nato e dell'adesione ceca all'Alleanza è aumentata rapidamente dopo la guerra in Ucraina.