This content is not available in your region

Ucraina dentro o fuori? Prospettive dopo il viaggio di Macron, Scholz e Draghi

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
The leaders of France, Germany, Italy and Romania arrived in Kyiv in a show of collective European support for the Ukrainian people, Thursday 16 June 2022.
The leaders of France, Germany, Italy and Romania arrived in Kyiv in a show of collective European support for the Ukrainian people, Thursday 16 June 2022.   -   Diritti d'autore  Ludovic Marin/AP

Benvenuti a State of the Union, sono Stefan Grobe da Bruxelles.

Mentre la guerra di logoramento continua all'est del continente, questa settimana il governo ucraino ha espresso una valutazione piuttosto preoccupante.

Le sanzioni occidentali non stanno danneggiando l'economia russa quanto previsto.

In effetti, i continui ricavi delle materie prime assicurano che le finanze della Russia rimangano stabili, ha affermato Kiev.

Questa è acqua per il mulino di coloro che hanno sempre sostenuto misure più forti, soprattutto nel settore energetico.

Allo stesso tempo, l'Unione Europea continua la sua strategia per trovare "fornitori affidabili" che potrebbero fare il lavoro, come ha detto Ursula von der Leyen.

L'UE ha firmato questa settimana un accordo sul gas con Israele ed Egitto volto a ridurre ulteriormente la dipendenza energetica dalla Russia.

Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: “Per noi è molto importante e sono contenta di stare discutendo di questo affascinante progetto con il quale siete disposti ad aumentare le consegne di gas all'Unione Europea attraverso l'Egitto. (…) importeremo da Israele tramite gasdotto - si spera un giorno un gasdotto pronto per l'idrogeno - in Egitto, sarà liquefatto a GNL e poi portato nell'Unione Europea". 

In che misura la connessione con il Medio Oriente aiuterà l'Europa a diversificare il suo mix energetico non è chiaro, ma è un inizio.

Nel frattempo, i leader di Francia, Germania e Italia si sono recati in Ucraina, di gran lunga la visita di più alto profilo nel Paese dall'inizio dell'invasione russa, un forte gesto di sostegno.

Macron: Un messaggio di unità europea al popolo ucraino, anzi, di sostegno, per parlare sia del presente che del futuro, perché le prossime settimane, come sappiamo, saranno molto difficili".

Tempi difficili davanti, insomma.

La prossima settimana, a un altro vertice si discuterà se l'UE debba concedere lo status di candidato all'Ucraina con la prospettiva di diventare membro del blocco in futuro. Quanto lontano sia questo punto, è la domanda delle cento pistole.

Gli Stati membri sono divisi. Alcuni vogliono un processo rapido, per inviare un messaggio politico forte a Mosca, altri sono più riservati, per usare un eufemismo.

Abbiamo raggiunto David McAllister, presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo. 

Euronews: L'Ucraina è afflitta da corruzione, malgoverno, pessimi fondamenti economici e finanziari e ora, ovviamente, il paese è in guerra. Perché l'UE dovrebbe accelerare la sua adesione all'UE?

David McAllister: Qualsiasi stato europeo che rispetti i nostri valori e si impegni a promuoverli può presentare domanda per diventare membro dell'Unione Europea. E dopo essere diventato un paese candidato, il processo inizia. L'Ucraina, come qualsiasi altro Paese, dovrà soddisfare tutti i necessari criteri politici, giudiziari ed economici. Ma ora, dal mio punto di vista, concedere lo status di candidato all'Ucraina sarebbe un messaggio tempestivo per il popolo ucraino nella sua lotta per i nostri valori europei e mostrerebbe anche un chiaro segno di sostegno, assistenza e anche solidarietà politica.

Euronews: Non sarebbe più onesto dire agli ucraini che non accadrà presto?

David McAllister: Gli ucraini ne sono consapevoli: lo stesso presidente Zelensky, ad esempio, ha affermato di sapere che ci vorrà del tempo per diventare membro dell'Unione europea. Ma vogliamo iniziare questo processo, ed è per questo che l'Ucraina sa che alla fine devono essere soddisfatte tutte le condizioni preliminari necessarie. Molte riforme devono essere attuate, ad esempio, nella lotta alla corruzione o nella modernizzazione dell'amministrazione. Ma sono abbastanza sicuro che l'Ucraina sia pronta per iniziare questo difficile processo, soprattutto non appena questa orribile guerra sarà finita.

Euronews: Emmanuel Macron ha proposto una sorta di partenariato più stretto con l'Ucraina, ma non l'adesione immediata all'UE. Che ne pensa?

David McAllister: Anche il Parlamento europeo ha chiamato a rivedere la politica europea di vicinato e penso che tutti saranno d'accordo sul fatto che abbiamo l'UE a 27, poi abbiamo altri paesi in Europa con cui abbiamo forme di relazioni molto diverse. Abbiamo membri non UE del mercato unico come Norvegia, Liechtenstein o Islanda. Abbiamo un rapporto molto stretto con la Svizzera sulla base di oltre 100 diversi trattati. Abbiamo paesi dei Balcani occidentali che sono già sulla via dell'adesione all'UE. Abbiamo altri paesi che hanno scelto una forma di cooperazione diversa, ma per organizzare meglio la nostra cooperazione con i paesi non UE qui sono sempre grato per le proposte. Penso che dovremo esaminare i dettagli a cui stanno effettivamente pensando il presidente Macron e il presidente Michel.

Euronews: E infine, un ulteriore allargamento dell'UE è una cosa ragionevole da fare nel quadro attuale, senza modifiche ai trattati?

David McAllister: Sono convinto che il processo di allargamento debba essere più prevedibile, più dinamico e più politico. Si tratta quindi di chiarire ai paesi candidati ciò che effettivamente richiediamo loro durante il processo di adesione. E d'altra parte, cosa offriamo se consegnano. Quindi non vedo la necessità immediata di modificare i trattati, ma accolgo con favore qualsiasi tipo di ulteriore proposta su come rendere più credibile il processo di allargamento.

Il sostegno all'Ucraina è arrivato anche da un angolo piuttosto insolito questa settimana, il mondo dell'arte.

Questa settimana si è aperta a Basilea, in Svizzera, la principale fiera artistica mondiale, che ha donato denaro alle organizzazioni umanitarie che aiutano gli ucraini e ha mostrato le opere d'arte di Boris Mikhailow, uno dei principali artisti ucraini.

La serie fotografica dell'82enne artista intitolata "Temptation of Death" vuole essere un modo per esaminare cosa significa essere ucraini oggi.

Le sue opere, composte da due gigantesche fotografie una accanto all'altra, sono esposte in spazi pubblici di Basilea.

Alcune persone potrebbero trovare potenzialmente scoraggiante acquisire opere d'arte durante una grave situazione di guerra.

Ma come ha detto un espositore: l'arte è anche il modo migliore per comunicare le cose alle persone. Anche la “tentazione della morte”.

Questo è tutto per questa edizione, sono Stefan Grobe, grazie per la visione. Buona settimana.