This content is not available in your region

Si chiude con una danza la conferenza sul futuro dell'Europa

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  CHRISTOPHE LICOPPE/ EU/CHRISTOPHE LICOPPE

Straordinarie scene al Parlamento Europeo di Strasburgo, dove i giovani si sono esibiti in "Dance Europe" in occasione dell'evento conclusivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa.

Nella Giornata dell'Europa le 49 proposte finali della conferenza sono state consegnate ai leader dell'UE dai cittadini di Strasburgo. La cerimonia ha fatto seguito a un anno di discussioni tra cittadini e istituzioni dell'UE con centinaia di discussioni di gruppo in diverse aree.

La maggior parte delle proposte riguarda la vita quotidiana, l'economia, l'occupazione e il cambiamento climatico. Ma i più controversi sono quelli che suggeriscono profonde riforme nel processo decisionale dell'Unione Europea.

Così Omri Preiss, Alliance 4Europe:  "Stiamo lavorando per mettere sul tavolo l'abolizione del veto nel Consiglio Ue. Perché stiamo vedendo che con il veto lì, l'Europa semplicemente non può agire".

Attualmente alle decisioni sugli affari esteri e anche ai vertici europei tutti i 27 Stati membri devono concordare per prendere una decisione. In situazioni di crisi come la guerra in Ucraina questo ritarda le decisioni, come nel caso delle sanzioni dell'UE contro la Russia.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, sostiene questa mossa.

Ursula von der Leyen: "Ad esempio, ho sempre sostenuto che il voto all'unanimità in alcune aree chiave semplicemente non ha più senso se vogliamo essere in grado di muoverci più velocemente".

Per modificare il processo decisionale, anche i trattati dell'UE dovrebbero essere modificati. A questo passo si oppone 13 Stati membri, che accusano il Parlamento europeo di influenzare le conclusioni dei cittadini per la propria politica.

Uno di questi è l'Ungheria, un paese che attualmente blocca l'embargo petrolifero dell'UE contro la Russia.

Il ministro della Giustizia ungherese Judit Varga ha twittato che le raccomandazioni della conferenza ignorano gli interessi degli Stati membri e quindi è necessario prevenire i cambiamenti. Le raccomandazioni della conferenza sul futuro dell'Europa non sono giuridicamente vincolanti.