EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Belgio, cure mediche e assistenza per tutti: "L'accessibilità è il nostro obiettivo principale"

In collaborazione con The European Commission
Belgio, cure mediche e assistenza per tutti: "L'accessibilità è il nostro obiettivo principale"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Claudio Rosmino
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Pierre Verbeeren è uno dei promotori del progetto di Medicins du Monde, focalizzato sul fornire cure di qualità alle persone vulnerabili, tra cui gli anziani, i senzatetto e i tossicodipendenti

Garantire le stesse possibilità di accesso all'assistenza sanitaria a tutti i cittadini di Bruxelles. Questo è stato il punto di partenza, nel 2016, di un'iniziativa per creare centri sanitari e sociali integrati nella periferia della capitale belga. Pierre Verbeeren è uno dei principali promotori del progetto, focalizzato sul fornire cure di qualità e sostegno alle persone vulnerabili, come gli anziani che vivono da soli e i migranti.

"A Bruxelles abbiamo una classe medio-alta che non ha troppi problemi con una serie di servizi pubblici, ma c'è anche una classe inferiore che non ha accesso a questi servizi - dice Verbeeren -. Ce n'è una moltitudine: servizi sociali, servizi sanitari, servizi di salute mentale, servizi di pianificazione familiare, servizi sociali di ogni tipo. Ma la gente è disorientata, e per di più è in una situazione precaria: ha difficoltà a orientarsi in questa realtà, sia che si tratti di persone che sono qui da molto tempo, ma che non parlano una delle lingue nazionali, sia che si tratti di persone che sono qui da poco tempo e quindi non capiscono il sistema".

"Alcune organizzazioni, come Médecins du Monde, ma anche centri medici e servizi sociali, hanno capito che c'era un problema - sottolinea Verbeeren -. Così ci siamo riuniti. Abbiamo lavorato molto sulla questione dell'accesso alle cure, sulla questione del mancato utilizzo dei servizi. E per due anni abbiamo cercato di definire una diagnosi precisa per capire cosa bisognava fare. Alla fine di questo lavoro, con l'aiuto dell'Unione europea, abbiamo definito il concetto di centro socio-sanitario integrato, che è un posto dove tutte le persone di un quartiere possono trovare risposta ai loro problemi in un unico edificio".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Una casa ai rom, per smantellare le baraccopoli: il progetto della città di Gent

Belgio, auto sulla folla durante il carnevale: morti e feriti