This content is not available in your region

Protezione temporanea agli ucraini in fuga dalla guerra. L'Ue ha deciso

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis  & Chris Pritchard
euronews_icons_loading
Protezione temporanea agli ucraini in fuga dalla guerra. L'Ue ha deciso
Diritti d'autore  Visar Kryeziu/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Mentre l'Europa affronta l'arrivo di oltre un milione di rifugiati, i paesi dell'Ue affermano che offriranno protezione immediata agli ucraini in fuga dalla guerra. In un'insolita prova di unità sulla migrazione ogni stato membro ha firmato giovedì un accordo che vedrebbe sfollati provenienti dall'Ucraina ricevere una una protezione totale per un massimo di tre anni.

Cosi' Ylva Johansson, commissaria europea per gli Affari interni: "Abbiamo già accolto in Europa quasi un milione di rifugiati dall'Ucraina. Ne vedremo altri milioni ed è proprio per questo che abbiamo bisogno di più solidarietà e perché abbiamo bisogno di questa legislazione adeguata per dare protezione alle persone per dare loro i diritti e Ovviamente avremo anche bisogno di ulteriori finanziamenti".

Ai cittadini ucraini si applicherà la cosiddetta direttiva sulla protezione temporanea.

Essa comprende tra l'altro:

- diritti di soggiorno

- accesso al lavoro

- accesso all'alloggio

- accesso all'assistenza sociale e all'assistenza medica

- nonché l'accesso al sistema educativo.

E mentre la velocità con cui Bruxelles ha reagito all'invasione russa dell'Ucraina è senza precedenti alcuni dicono che si possa ancora fare di più per i rifugiati.

Dice Catherine Woollard, direttore del Consiglio europeo sui rifugiati e gli esiliati: "Oltre ad attivare la Tpd (direttiva sulla protezione temporanea), dobbiamo assistere a un rapido dispiegamento dei finanziamenti dell'UE nell'ambito delle disposizioni di emergenza dell'Amif (Fondo per l'asilo, la migrazione e l'integrazione). e gli Stati membri che chiedono quel tipo di sostegno all'agenzia. Soprattutto, l'importante è rimanere uniti nella risposta alle necessità degli sfollati, per motivi di sicurezza, oltre che per le stagioni umanitarie".

Questo status sarà applicato ai non-ucraini solo se gli Stati membri lo desiderano,dopo che la proposta è stata annacquata all'ultimo minuto. La direttiva è stata utilizzata in precedenza ed è stata creata dopo la crisi dei rifugiati del 2001 in Kosovo.