This content is not available in your region

Bruxelles sostiene la Lituania nella disputa con con la Cina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Bruxelles sostiene la Lituania nella disputa con con la Cina
Diritti d'autore  Mark Schiefelbein/The Associated Press

Bruxelles ha sostenuto la Lituania nello scontro con la Cina su Taiwan. Questo è accaduto dopo che Pechino ha reagito con rabbia al sostegno del Paese baltico a Taipei. Una risposta chiara è giunta dall'alto rappresentante per la politica estera dell'UE, Josep Borrell.  A seguito di una riunione dei ministri degli esteri comunitari a Brest, in Francia. Borrell ha affermato che esiste una "chiara solidarietà" con la Lituania.

Ha proseguito Borrell: "Alcune cose [con la Cina] stanno andando bene, altre meno bene", ha detto venerdì ai giornalisti il ​​capo della politica estera. “In particolare durante l'incontro abbiamo parlato delle attività cinesi in Lituania e dell'impatto di queste attività nell'ambito europeo nel suo insieme. Gli Stati membri hanno espresso una chiara solidarietà con la Lituania e abbiamo discusso di come procedere attivamente con la riduzione dell'escalation dei termini di questa crisi".

Con grande scorno della Cina, la Lituania ha permesso a Taiwan di aprire un ufficio di rappresentanza, un'ambasciata di fatto, nella sua capitale, lo scorso novembre - è la genere ed è quello che la Cina chiama una "chiara violazione" della Politica cinese del paese unico.

Ma la lite è in corso già da tempo, iniziata  dopo che Vilnius ha lasciato il cosiddetto gruppo 17+1 - un formato utilizzato dalla Cina per negoziare direttamente con i paesi dell'est Europa - nel maggio dello scorso anno.

Pechino ha quindi iniziato, senza preavviso, a limitare l'ingresso delle merci lituane nel Paese, portando lo stato baltico a rafforzare le relazioni con Taiwan e intensificando ulteriormente la guerra commerciale tra le due parti.

La Lituania fa marcia indietro?

Vilnius ha dichiarato a dicembre che non avrebbe inviato alcun funzionario diplomatico alle Olimpiadi invernali in Cina, ma il ministero degli Esteri del paese baltico si rifiuta ora di definire quell'azione un boicottaggio.

All'inizio di questo mese, il presidente lituano Gitanas Nauseda ha anche affermato che è stato un "errore" lasciare che Taiwan apra un ufficio di rappresentanza con il proprio nome, piuttosto che usare "Taipei cinese" per evitare di minacciare le pretese di Pechino su Taiwan.

Questi ultimi sviluppi potrebbero essere un segno che Vilnius sta riconsiderando la sua posizione originale, probabilmente a causa della potenza economica della Cina, che sta anche facendo pressioni sulle società europee, come il produttore tedesco di componenti per auto Continental, affinché non utilizzino componenti prodotti in Lituania.

Un recente sondaggio del ministero degli Esteri del paese baltico ha rilevato che solo il 13% della popolazione sostiene l'attuale posizione del governo sulla Cina, in gran parte a causa dell'impatto che sta avendo sulle imprese lituane.

Una prova di unità dell'UE

Vilnius potrebbe ora cercare di attenuare la ricaduta delle sue azioni, ma le parole di Borrell questo venerdì saranno una gradita notizia, poiché si cerca di vendere la sua lite con Pechino come una questione a livello di UE che ha un impatto sull'intero mercato unico, piuttosto che unicamente sulla Lituania.

Il governo è incoraggiato anche dalle recenti parole del presidente francese Emmanuel Macron, secondo cui il modo in cui la Cina sta agendo nella disputa con la Lituania “continua a preoccuparci”.

Il sostegno della stessa Taiwan aumenta le speranze della Lituania di un'armonia nell'ambito dell'UE sulla questione, dopo che la nazione insulare ha promesso un fondo di credito di 1 miliardo di dollari volto per aiutare le imprese del paese nel suo confronto con Pechino.

Taipei afferma anche che intende investire 200 milioni di dollari in Lituania, con la produzione di microchip - un'area che l'UE sta cercando disperatamente di promuovere - uno dei probabili settori destinati agli investimenti.

L'ultima disputa con la Cina è una vera prova di unità per gli Stati membri dell'UE e il modo in cui si svilupperà nelle prossime settimane e mesi potrebbe definire le relazioni del blocco europeo con Pechino in futuro.