This content is not available in your region

Stato dell'Unione, le notizie della settimana

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Stato dell'Unione, le notizie della settimana
Diritti d'autore  KENZO TRIBOUILLARD/AFP

Una settimana soleggiata in tutto il continente ha portato con sé alcune notizie positive tanto necessarie: un certo numero di paesi dell'UE hanno già aderito alla proposta della Commissione europea di avere un certificato di viaggio digitale Covid 19 dell'UE, il che significherebbe che da il 1 luglio, utilizzando un codice QR, potremmo dimostrare che abbiamo avuto il Covid o che siamo stati vaccinati durante il viaggio o prima del viaggio. tenete presente che gli Stati membri europei hanno il diritto di imporre ulteriori restrizioni se ritengono che la situazione sanitaria nel loro paese lo richieda.

Con l'avvicinarsi dell'estate e l'aumento delle vaccinazioni, la Commissione europea afferma di volere che gli Stati membri revochino ulteriormente le restrizioni ai viaggi all'interno del continente. Vuole che i paesi dell'UE armonizzino quanto più possibile le loro misure al fine di facilitare la libera circolazione in tutta Europa.

Didier Reynders - Commissario europeo per la giustizia: "Non proponiamo test o quarantena relativi ai viaggi per le persone completamente vaccinate o guarite. Questo è già praticato in molti Stati membri e tratta di persone da dove esse provengono e verso dove vanno. Proponiamo una comprensione verso chi è completamente vaccinato. Ciò significa 14 giorni dopo aver ricevuto l'ultima dose".

Bruxelles vuole che le persone che non rientrano in queste due categorie siano soggette al colore della zona da cui provengono.

Ciò significa nessuna restrizione da un'area verde, un test per un'arancia e la possibilità di quarantena da una zona rossa.

Le proposte sono progettate per completare il certificato di viaggio COVID dell'UE, che dovrebbe essere pronto entro il 1 luglio.

Ma dato che questo documento consente agli Stati membri di scegliere i propri requisiti di ingresso delle persone, è improbabile che le proposte della Commissione funzionino in modo efficaceè "una precondizione esistenziale per milioni di cittadini che vivono, si spostano, sono genitori e quindi viaggiano regolarmente tra le giurisdizioni".

Ylva Johansson commissaria svedese incaricata degli affari interni, è stata al centro della scena questa settimana a Bruxelles, perché ha detto che l'unico modo per salvare uno Schengen malconcio e in difficoltà dall'inizio della pandemia è quello di rafforzarlo:  "Possiamo ritrovarci con il sistema di gestione delle frontiere più moderno al mondo e ne abbiamo bisogno. Ma non possiamo costruire una fortezza Europa. Dobbiamo collaborare con i paesi vicini per lavorare insieme a loro. Soprattutto quando si tratta di minacce alla sicurezza, lotta al terrorismo e gestione della migrazione".

In altre notizie, l'Ungheria ha perso una causa legale contro il Parlamento europeo su un voto nel 2018 dove Budepast era accusata di aver intaccato i valori democratici.

Per il partito dei Verdi al Parlamento europeo, il voto è stato per la democrazia e un avvertimento per Viktor Orban.

Daniel Freund, eurodeputato tedesco, gruppo Verdi/ALE:  "Ci deve essere un messaggio molto chiaro a Viktor Orban che queste violazioni dello stato di diritto non sono tollerate e che taglieremo i fondi all'Ungheria se persistono".

Una donna che potrebbe supervisionare tali tagli è il superprocuratore europeo Laura Covesi. .... Ha aperto il suo ufficio in Lussemburgo questa settimana. L'ha intervistata il nostro collega Sandor Zsiros.

Sándor Zsíros, Euronews: "Miliardi e miliardi di soldi pubblici saranno presto sul mercato per via dei fondi di recupero. Crede che il suo istituto possa salvare questi fondi dalla corruzione?"

Laura Codruta Kövesi, procuratore capo europeo: "Beh, il nostro compito è indagare se qualcuno commette un crimine legato a questi fondi e lo faremo in 22 Stati membri. Siamo pronti a farlo. Collaboreremo anche con le autorità nazionali, coopereremo con le altre agenzie, in particolare Europol, Eurojust e OLAF e, ad esempio, l'OLAF può migliorare l'individuazione di questo tipo di reati. Dopodiché, possono segnalarci disfunzionamenti e continueremo a svolgere le indagini".

Sándor Zsíros, Euronews: "Molte persone si aspettano che lei metta in prigione i politici corrotti. Quando accadrà?"

Laura Codruta Kövesi, procuratore capo europeo: "Abbiamo registrato i primi casi. I primi casi sono arrivati ​​dalla Germania e dall'Italia. Dopodiché, i nostri procuratori delegati europei continueranno le indagini. Quindi siamo pronti a indagare sui crimini che rientrano nella giurisdizione dell'EPPO. Non pensiamo di poter dire che domani avremo il primo atto d'accusa o la prima condanna perché fisicamente non dobbiamo farlo, ma è importante dire che fin dal primo giorno EPPO abbia già registrato dei casi, che rientrino nella nostra giurisdizione. "

Sándor Zsíros, Euronews: "Può parlarci di questi casi?"

Laura Codruta Kövesi, procuratore capo europeo: "No, posso dire solo che ci sono delle denunce in atto, ma non ho visto i casi, quindi non posso commentare".

Sándor Zsíros, Euronews: "Ha criticato il governo della Slovenia per non aver collaborato con il vostro ufficio. Qual è la situazione"

Laura Codruta Kövesi, procuratore capo europeo: "Per me è molto difficile spiegare questa mancanza di collaborazione perché la procedura per selezionare i procuratori delegati europei è stata finalizzata a dicembre. E da allora il governo aveva sulla scrivania la proposta di procuratore delegato europeo. Quindi, come ho detto, questo è segno della mancanza di sincera collaborazione con noi. Dobbiamo riorganizzare l'attività interna. È ovvio per noi che non possiamo prendere tutti i casi dalla Slovenia. Ma così facendo, il governo sloveno ha messo EPPO in una situazione molto difficile perché questo significa che non miglioreremo il livello di protezione, ma che esso diminuirà. Ma non è che ci occupiamo soltanto della Slovenia".

Sándor Zsíros, Euronews: "Come è il livello di protezione dei fondi per quei paesi che non partecipano alla Procura europea?"

Laura Codruta Kövesi, procuratore capo europeo: "In quei paesi che non partecipano? Possiamo avere indagini solo se abbiamo dei collegamenti. Ad esempio, un cittadino di uno Stato membro non partecipante commette un reato in Stati membri partecipanti. Ma penso che l'OLAF e il le autorità nazionali continueranno a svolgere indagini in questi casi. E possiamo cooperare sulla base degli strumenti giuridici di cui disponiamo in europa per la cooperazione giudiziaria".

E questa è stata la Settimana verde in Europa, il modo europeo per ricordare alle persone cosa fare per raggiungere l'ambizioso obiettivo di neutralità climatica entro il 2050.

Il volto di questo ambizioso obiettivo è il commissario olandese Frans Timmersman, anche lui coinvolto nel futuro della Politica Agricola Comune. I colloqui che si sono interrotti di recente dopo 3 anni di contrattazione ma riprenderanno presto. Un gruppo a cui non piace la direzione in cui stanno andando questi colloqui è Greenpeace. L'ONG ha fatto sentire la propria voce dipingendo di verde la piazza antistante il Parlamento europeo! Rotta la PAC – dicono.