La chirurgia robotizzata, un progetto "rivoluzionario" per la società bulgara

In collaborazione con The European Commission
La chirurgia robotizzata, un progetto "rivoluzionario" per la società bulgara
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il professor Kolev, coordinatore di Mu-Varna, ci spiega in che modo lavorano i tre attori principali associati al progetto.

Il professor Nikola Kolev, coordinatore di Mu-Varna, ci spiega in che modo lavorano i tre attori principali associati al progetto. Un progetto che non esita a definire "rivoluzionario" per la società bulgara.

"Si tratta di una collaborazione fra l'Università di medicina di Varna, l'Università di medicina di Pleven e l'Istituto di robotica dell'Accademia bulgara delle scienze - spiega -. Ciascuna di queste unità lavora su diverse tappe dell'introduzione di nuove tecnologie nella cura delle malattie oncologiche, e nella costruzione di un approccio individuale per i pazienti affetti da malattie oncologiche nelle diverse specializzazioni. L'unità che si trova a Varna si occupa del carcinoma rettale, della realizzazione di studi scientifici sui pazienti operati e della cura di tutte le patologie dell'apparato digerente - ernia della parete addominale anteriore, chirurgia endocrinologica, chirurgia delle ghiandole surrenali e urologia. L'introduzione della chirurgia robotizzata nella nostra regione è rivoluzionaria per i pazienti, per la società e anche per noi chirurghi.

Condividi questo articolo

Notizie correlate

A Varna, Bulgaria, presto in sala operatoria i chirughi saranno affiancati da robot

E-commerce e robot, il futuro dell'economia dopo la pandemia di Covid-19

Uso dei robot, digitalizzazione e pulizia: come cambieranno hotel e AirbnB dopo il Covid