ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Uso dei robot, digitalizzazione e pulizia: come cambieranno hotel e AirbnB dopo il Covid

Virus Outbreak Spain
Virus Outbreak Spain   -   Diritti d'autore  Miguel Morenatti/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Con l'allentamento delle restrizioni per contenere il Covid-19 in diversi Paesi europei, molti operatori del settore turistico sperano che l'aumento degli standard di pulizia e il distanziamento sociale possano offrire un'opportunità per "nuovo inizio".

Nicolas Vigier, a capo di un'agenzia in Francia che gestisce 60 appartamenti Airbnb, indica che sta lentamente assistendo ad una ripresa delle prenotazioni per l'estate, soprattutto nel sud del Paese.

"Prima della crisi, i nostri clienti erano al 90-95% stranieri. Avevamo pochissimi francesi che prenotavano i nostri appartamenti", ha detto Vigier. "Ma ora tutte le richieste arrivano esclusivamente dalla Francia".

Vigier puntualizza che ancora in Francia le prenotazioni non possono essere confermate poiché non ci si può spostare a più di 100km dal proprio domicilio, ma il ritorno delle richieste è quantomeno un barlume di speranza per gli operatori di uno dei settori più colpiti dalla pandemia.

Paese che vai, situazione identica. Le prenotazioni domestiche di appartamenti Airbnb nei Paesi Bassi e in Danimarca corrispondono ora ad una quota rispettivamente dell'80% e 90% a confronto con aprile 2019, aggiunge la società.

Impatto grave e improvviso

"L'attività di Airbnb è stata colpita duramente: nel 2020 avremo meno della metà dei ricavi rispetto al 2019", ha affermato Brian Chesky, amministratore delegato di Airbnb, annunciando tagli al personale dell'azienda, la scorsa settimana.

Per molti, il cambiamento è stato brusco. Vigier non ha visto davvero un calo significativo delle prenotazioni fino al giorno in cui Macron ha annunciato in televisione l'introduzione delle misure di confinamento.

La società di analisi del settore alberghiero STR stima che gli hotel ancora aperti nel mondo stiano viaggiando con una percentuale di posti letto occupati inferiori al 30%. In molti paesi europei, i pochi hotel ancora aperti ospitano appena il 10% della clientela.

Arne Sorenson, CEO di Marriott hotel, ha detto in un sobrio video-messaggio del marzo scorso che il coronavirus è qualcosa "di mai visto prima".

"Per un'azienda di 92 anni, che ha visto la Grande Depressione, la seconda Guerra Mondiale e molte altre crisi economiche e globali, è davvero significativo".

"Il Covid-19 sta avendo un impatto più grave e improvviso rispetto all'11 settembre e alla crisi finanziaria del 2009 messi insieme".

Marriott ha visto un calo del 90% delle attività in Cina dopo l'inizio dell'epidemia, ha indicato l'amministratore delegato nel mese di marzo.

Ripristinare la fiducia dei clienti in un momento di crisi globale

Airbnb ha annunciato un nuovo protocollo di pulizia per gli host che verrà lanciato a maggio. Includerà un programma di apprendimento e il rilascio di una certificazione.

Il protocollo aiuterà anche a gestire il distanziamento delle prenotazioni in linea con le linee guida dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, così da avere almeno 24 ore di intervallo tra un cliente e l'altro.

"I padroni di casa avranno accesso a materiale educativo per le procedure di sanificazione, in linea con il parere degli esperti, e saranno aiutati così da dimostrare che prendono sul serio la pulizia e la prevenzione", ha scritto Airbnb in un comunicato.

Queste nuove linee guida saranno il cambiamento più "drastico" per le attività quotidiane degli host, dice Vigier. L'imprenditore stima in un periodo di tempo di almeno tre giorni l'intervallo tra una prenotazione e l'altra.

Ma anche gli hotel stanno lanciando politiche di pulizia e sanificazione altrettanto rigorose.

Un portavoce di Marriott rende noto che l'hotel sta incrementando i suoi protocolli di pulizia. Tra le nuove linee guida c'è anche la disinfezione degli spazi pubblici e delle superfici delle camere degli ospiti con disinfettanti di qualità ospedaliera".

L'azienda sta testando anche "spray elettrostatici" per disinfettare intere aree in cui transitano gli ospiti.

"La preoccupazione sembra essere quella di riguadagnare la fiducia dei consumatori", dice Mark Ashton della University of Surrey's School of Hospitality and Tourism Management.

La spunterà chi avrà i "migliori standard di pulizia" e saprà ridurre al minimo "i dispositivi di contatto" come tablet e telecomandi.

Scegliere un hotel o Airbnb "dipenderà dalla fiducia del consumatore e dalla percezione di affidabilità nel fornire un livello più alto di pulizia e servizi igienici", ha detto Ashton.

Un robot addetto alle pulizie nella hall di un hotel di Tokyo - Eugene Hoshiko

Un potenziale recupero?

Un portavoce di Airbnb France ha reso noto che è aumentato il numero delle persone che stanno facendo ricerche su case vacanza primaverili ed estive nei dintorni del proprio domicilio.

"I viaggi in questo nuovo mondo avranno un aspetto diverso, e dobbiamo far evolvere Airbnb di conseguenza". La gente vorrà opzioni più vicine a casa, più sicure e più convenienti", ha scritto il CEO di Airbnb Chesky in una nota ai dipendenti.

Nel frattempo, Marriott International ha aggiunto che in Cina l'azienda sta lentamente assistendo ad un aumento dei tassi di occupazione. Durante un ponte di aprile, alcuni hotel hanno fatto registrare il 60% di posti occupati.

Ma ci vorrà ancora molto tempo prima che le cose tornino alla normalità, puntualizza Ashton. Secondo lo studioso, sempre più hotel prenderanno accelerare in automazione e passaggio al digitale.

È un settore in cui Airbnb ha già un vantaggio grazie alla possibilità di effettuare il check-in via app, senza che sia richiesto necessariamente un contatto personale tra ospite e ospite.

Vigier dice che era buona pratica dell'azienda accogliere sempre personalmente il viaggiatore, ma d'ora in poi gli ospiti dovranno ritirare le chiavi in agenzia o nella cassetta della posta. Le cose potrebbero essere più complicate nella hall di un hotel affollato.

Secondo Ashton, dei robot potrebbero portare le valigie, effettuare il servizio in camera e igienizzare le aree pubbliche. La transizione ad un modo di lavorare sempre più digitale e automatizzato sarà certamente il cambiamento più drastico per tanti operatori del settore.