EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Dieselgate: Corte Ue, Wolkswagen risponderà ai consumatori in tutta l'Ue

Dieselgate: Corte Ue, Wolkswagen risponderà ai consumatori in tutta l'Ue
Diritti d'autore Markus Schreiber
Diritti d'autore Markus Schreiber
Di Maria Psaramaria irene giuntella
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dieselgate, la Wolkswagen dovrà affrontare cause in tutta Europa per i consumatori. Lo conferma la Corte Ue in una sentenza.

PUBBLICITÀ

La Wolkswagen dovrà affrontare cause in tutta Europa per il dieselgate. Lo conferma una sentenza odierna della Corte di Giustizia Ue. I consumatori, secondo quanto ha stabilito la Corte, possono denunciare le case automobilistiche nel Paese in cui hanno acquistato veicoli dotati di dispositivi "illectitamente manipolati" che consentono di truccare i dati relativi alle emissioni inquinanti.

"Oggi il tribunale ha chiarito che i consumatori danneggiati dal dieselgate della Volkswagen possono sporgere denuncia nei tribunali nazionali del proprio Paese.E questo è importante perchè la Volkswagen sta ancora facendo del suo meglio per non dare rimborsi e dicono: "se volete denunciarci venite in Germania" ha detto Miguel Sousa Ferro, professore presso la facoltà di legge dell'Università di Lisbona e membro della Diesel Emissions Foundation (Dejf).

Il caso è partito da un'associazione austriaca per la protezione dei consumatori (Verein für Konsumenteninformation-VKI) che ha presentato un ricorso per danni contro l'azienda automobilistica Volkswagen in Austria. Ma il caso potrebbe avere un impatto più generale.

"La sentenza del tribunale odierna ha reso un po' più facile per i consumatori ottenere un risarcimento per il Volkswagen Dieselgate, ma non solo per la Volkswagen. Non dimentichiamoci che altri produttori stanno facendo la stessa cosa. Hanno anche dispositivi truccati. Quindi avrà un impatto più ampio, che andrà oltre al caso Volkswagen" ha affermato il professore.

Cinque anni dopo lo scandalo, la società ha rimborsato i consumatori negli Stati Uniti e in Australia, ma non in Europa, dove non esiste una piattaforma comune per le controversie .

"Abbiamo associazioni di consumatori come la Diesel Emissions Justice Foundation che cercano di ottenere un risarcimento e questa sentenza ha reso un po' più facile farlo" ha spiegato Miguel Sousa Ferro.

L'associazione sta presentando ricorsi non solo contro la Volkswagen ma anche contro la Mercedes. Altri casi arriveranno presto, dicono.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Dieselgate", dopo cinque anni inizia il processo: alla sbarra Rupert Stadler, ex numero 1 di Audi

Dieselgate, per Daimler 1,5 mld di euro più caro

Dieselgate, Volkswagen a processo anche in Canada