Quanto è difficile riparare il proprio smartphone?

Quanto è difficile riparare il proprio smartphone?
Diritti d'autore euronews
Di Cyril Fourneris
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Euronews ha parlato con Bas Flipsen, professore di ingegneria del design industriale dell'Università tecnica di Delft, nei Paesi Bassi, di cosa comporta realmente il processo di riparazione di uno smartphone

Da tempo gli esperti ambientali condannano la cultura europea dell'usa e getta per quanto riguarda i dispositivi elettronici. Quando si rompono spesso tendiamo a buttarli via piuttosto che cercare di ripararli. Ma acquistarne di nuovi invece di ripararli costa miliardi di euro ogni anno. Euronews ha parlato con Bas Flipsen, professore di ingegneria del design industriale dell'Università tecnica di Delft, nei Paesi Bassi, di cosa comporta realmente il processo di riparazione di uno smartphone.

"Nel nostro laboratorio valutiamo la facilità di smontaggio. Tutti sanno che lo schermo degli smartphone si rompe spesso - dice Flipsen -. Ma anche le batterie si rompono dopo un paio d'anni e ci sono anche altri problemi. Come il coperchio posteriore: è fatto di vetro e si rompe molto facilmente. Il coperchio posteriore è molto difficile da riparare o sostituire perché bisogna accedervi dall'alto verso il basso e smontare tutte le parti. E se una parte molto fragile si trova in fondo, sotto tutte le altre, è necessario staccare molte altre parti prima di potervi accedere". 

Sostituire lo schermo del telefono non è sufficiente. "Riparare lo schermo non basta - dice Flipsen -. È necessario sostituire anche il chip che certifica che si tratta di una parte originale. E bisogna usare molta colla lungo i bordi, serve per rendere lo smartphone impermeabile. Ma è anche difficile da incollare, serve una certa competenza. Forse 40 anni fa la riparazione era la norma. Ora la norma è sostituire. Quindi c'è molto da fare. Si può fare una buona riparazione o progettare per la ristrutturazione, ma se il consumatore non cambia un po' la sua cultura, è difficile".

Condividi questo articolo