EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dal 1990 l'uso dell'aria condizionata è più che raddoppiato in Europa

Una pompa di calore a Biddinghuizen, nei Paesi Bassi, il 27 maggio 2023
Una pompa di calore a Biddinghuizen, nei Paesi Bassi, il 27 maggio 2023 Diritti d'autore Martin Meissner/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Martin Meissner/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Marie Jamet
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in francese

Gli europei tendono a non utilizzare i sistemi di condizionamento dell'aria, ma le vendite di condizionatori e pompe di calore sono in costante aumento, soprattutto nei Paesi meridionali del continente

PUBBLICITÀ

Culturalmente, gli europei sono ancora restii all'aria condizionata: tuttavia, i dati mostrano che, con l'aumento delle temperature, l'uso dell'aria condizionata è in costante aumento nel continente.

Secondo l'ultimo rapporto sull'argomento dell'Agenzia internazionale dell'Energia, datato 2018 e basato su dati del 2016, l'Unione europea possiede un numero di impianti di condizionamento molto inferiore a quello di Cina o Stati Uniti, sia in termini assoluti (96,5 milioni di unità) che per 1.000 abitanti (circa 20 unità per 1.000 abitanti).

All'epoca, tre Paesi da soli rappresentavano i due terzi degli impianti di condizionamento del mondo: Cina, Stati Uniti e Giappone.

Secondo dati più recenti ma meno precisi dell'Aie, nel 2022 il tasso di presenza dell'aria condizionata sarà del 90% negli Stati Uniti e solo del 19% in Europa.

Nelle sue proiezioni per l'Unione europea, l'Aie prevede 130 milioni di unità installate entro il 2023 e stima che il numero di unità dovrebbe quadruplicare nel continente entro il 2050.

Una caratteristica specifica del mercato europeo rispetto a quello degli altri Paesi "studiati" è che l'aria condizionata è stata installata per la prima volta in edifici commerciali, anziché nelle abitazioni private.

Uno studio condotto in 16 Paesi da quattro ricercatori delle Università di Berkley e Mannheim mostra che, nel complesso, il numero di famiglie che installano l'aria condizionata è maggiormente elevato nei Paesi più ricchi e sta aumentando tra le famiglie più ricche. 

Il circolo vizioso dell'aria condizionata

L'aumento dell'uso dell'aria condizionata ha tre effetti durante l'intero ciclo di vita di un sistema di condizionamento, dalla produzione alla consegna, al funzionamento e al riciclaggio:

  1. un aumento del consumo di energia;
  2. aumento dei gas a effetto serra;
  3. aria più calda, soprattutto nelle città, con l'effetto isola di calore.

Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, l'aria condizionata è attualmente responsabile dell'emissione di circa un miliardo di tonnellate di CO2 all'anno, su un totale di 37 miliardi di tonnellate emesse in tutto il mondo.

Clara Camarasa, esperta dell'Agenzia, spiega che l'aria condizionata "può esercitare un'immensa pressione sulle reti elettriche e accelerare le emissioni di gas serra, aggravando la crisi climatica".

Il fabbisogno di raffreddamento degli edifici è quadruplicato tra il 1979 e il 2022 nell'Unione europea e sta diventando sempre più evidente nel nord del continente.

Secondo Eurostat, il raffreddamento dell'aria rappresenta attualmente solo lo 0,5% del consumo finale di energia delle famiglie europee. 

Questa quota varia a seconda della posizione geografica dei Paesi e della loro esposizione alle alte temperature.

Nelle città, l'uso dell'aria condizionata accentua l'effetto isola di calore: oltre a contribuire al cambiamento climatico globale, gli impianti di condizionamento raffreddano gli edifici rilasciando calore in questi spazi mineralizzati, che immagazzinano calore e lo rilasciano nuovamente, soprattutto di notte.

In Francia, un team del Cired (Centre international de recherche sur l'environnement et le développement) guidato da Vincent Viguié, ricercatore in economia del cambiamento climatico, ha simulato la combinazione di un'ondata di calore e del livello di impianti di condizionamento dell'aria nella città di Parigi.

Ha calcolato che la temperatura nelle strade di Parigi aumenterebbe di 2,4°C di notte se tutti gli edifici climatizzati della città mantenessero una temperatura interna di 23°C durante un'ondata di calore di nove giorni della durata di 38°C. 

Questa ondata di caldo spingerà ancora una volta all'uso dell'aria condizionata, in un circolo vizioso che suggerisce di abbandonare definitivamente il raffreddamento degli edifici.

Una necessità di base?

Eppure, in alcune regioni, l'aria condizionata sta diventando sempre più una necessità di base.

PUBBLICITÀ

"Alcuni puristi pensano che non dovremmo usare l'aria condizionata, ma io credo che non sia possibile", afferma Robert Dubrow, direttore del Center on Climate Change and Health dell'Università di Yale.

L'accesso all'aria condizionata salva già decine di migliaia di vite all'anno, una cifra in aumento, secondo un recente rapporto dell'Aie, di cui Dubrow è uno degli autori. 

Gli studi dimostrano che il rischio di morte per calore si riduce di circa il 75% per le famiglie dotate di aria condizionata.

Tutti gli esperti concordano sul fatto che la linea d'azione più sensata non è ridurre l'uso dell'aria condizionata in quanto tale, ma promuovere sistemi più efficienti e dare priorità all'isolamento degli edifici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, temperature da record a Lione: come si sta adattando la città

Riscaldamento globale o cambiamento climatico? Secondo un nuovo studio, conta anche l'invecchiamento

Perché le zone a basse emissioni mostrano l'impatto dell'Ue sulla nostra vita