EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Austria, tatuaggi in cambio di trasporti gratuiti ai festival

L'offerta era disponibile per chi si faceva tatuare in modo permanente la parola "klimaticket".
L'offerta era disponibile per chi si faceva tatuare in modo permanente la parola "klimaticket". Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Rosie Frost
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un tatuaggio in cambio di un biglietto annuale gratuito per i trasporti pubblici nazionali. L'iniziativa è stata lanciata dal governo di Vienna, con reazioni contrastanti

PUBBLICITÀ

Un tatuaggio con la scritta "Klimaticket" in cambio di un anno di spostamenti gratuiti. L'idea arriva dall'Austria e punta a promuovere il sistema di trasporti pubblici della nazione europea. 

Leonore Gewesseler, deputata dei Verdi e ministra del Clima austriaca, ha lanciato l'iniziativa in occasione del Frequency Festival nella città di St Pölten sfoggiando un tatuaggio (temporaneo) con la scritta "Gewessler takes the lead" ("Gewessler è la prima", in italiano) ha difeso l'idea. Tuttavia, la proposta di farsi tatuare in cambio di un "biglietto annuale" per itrasporti pubblici ha suscitato critiche da parte di altri parlamentari austriaci, nonché da alcuni utenti dei social media.

Come funziona il programma "Tattoo for ticket"?

Gli stand per tatuaggi con striscioni che recitano "Aktion geht unter die Haut" (L'azione che entra nella pelle, in italiano) sono apparsi in diversi eventi quest'estate. I frequentatori dei festival sono stati invitati a tatuarsi in tutta l'Austria, e i promotori della campagna affermano che finora sei persone, tre per ogni festival, lo hanno fatto e hanno ricevuto il pass gratuito.

Il biglietto annuale può essere utilizzato su quasi tutti i mezzi di trasporto pubblico in Austria e consente di viaggiare in tutto il Paese a soli 3 euro al giorno, con agevolazioni per giovani, anziani e disabili. Il costo totale è di 1.095 euro all'anno; circa 245mila persone ne possiedono attualmente uno, su una popolazione di quasi 9 milioni di persone.

Ai partecipanti ai festival che hanno incrociato gli stand sono stati offerti gratuitamente anche altri possibili tatuaggi legati al trasporto pubblico, alla sostenibilità e ai cambiamenti climatici. I promotori della campagna affermano che ad ogni festival hanno partecipato una decina persone al giorno. L'offerta di viaggi gratuiti in treno, tuttavia, è stata limitata alle prime tre persone che hanno accettato, a ciascun evento.

Le critiche al programma "Tattoo for ticket"

Dopo la comparsa dello stand per tatuarsi all'Electric Love Festival di Salisburgo, sei settimane fa, alcuni utenti dei social media hanno criticato la campagna, tacciata di aver incoraggiato un comportamento irresponsabile da parte dei giovani. "È un'azione così esemplare invitare i giovani a farsi tatuare?", si è chiesto un utente di Instagram. L'account di Klimaticket ha risposto semplicemente sottolineando come sia una "scelta personale".

I critici hanno anche accusato la Gewessler di sfruttare la pelle dei giovani per pubblicizzare le proprie politiche. Henrike Brandstötter, deputata del partito liberale austriaco NEOS, ha affermato che "offrire denaro alle persone per apporre pubblicità sulla loro pelle rivela una visione inaccettabile da parte di un ministro del governo".

Il quotidiano Standard ha definito l'offerta "sostenibile ma stupida", mentre il Salzburger Nachrichten l'ha definita "cinica". Ma la Gewessler ha dichiarato a un'emittente televisiva locale che la campagna è stata "riflettuta con attenzione". Per evitare che qualcuno possa accettare dopo aver bevuto una birra di troppo, ad esempio, si è stabilito che i tatuaggi possano essere fatti "solo di giorno". E solo a persone che abbiano compiuto 18 anni.

La ministra ha inoltre evidenziato che la maggior parte delle persone che si sono fatte tatuare ne avevano già qualcuno. I rappresentanti dell'azienda che si occupa di vendere i biglietti climatici hanno inoltre dichiarato alla stampa locale che i feedback ai festival sono stati "estremamente positivi" e che la campagna è stata ben accolta.

Al momento non sono previsti altri eventi quest'anno e non è certo se l'iniziativa verrà riproposta o meno nel 2024.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In bicicletta in Europa: Quali sono i paesi e le città dove è più diffusa?

Ministri Ue dei trasporti: "Zero emissioni? Prima le infrastrutture"

Perché una città spagnola vuole che i ciclisti siano assicurati