EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sorveglianza, irruzioni, arresti: il giro di vite dell'Europa contro le proteste per il clima

Un manifestante di Just Stop Oil viene trattenuto dal personale di sicurezza sul campo 18 durante Wimbledon a Londra.
Un manifestante di Just Stop Oil viene trattenuto dal personale di sicurezza sul campo 18 durante Wimbledon a Londra. Diritti d'autore REUTERS/Hannah Mckay
Diritti d'autore REUTERS/Hannah Mckay
Di Euronews Green Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Alcuni Paesi stanno invocando poteri legali che di solito sono utilizzati contro la criminalità organizzata e i gruppi estremisti.

PUBBLICITÀ

Simon Lachner aveva intenzione di incollarsi a una strada della città tedesca a giugno per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sul cambiamento climatico. Invece è finito sotto custodia della polizia prima ancora di uscire di casa.

Lachner, 28 anni, è uno delle migliaia di attivisti coinvolti in un giro di vite europeo nei confronti delle proteste per il clima. I manifestanti chiedono un'azione urgente dei governi contro il cambiamento climatico.

I blocchi stradali sulle principali autostrade in Gran Bretagna hanno creato rallentamenti alla viabilità, le proteste presso gli impianti petroliferi in Germania hanno interrotto le forniture e in Francia migliaia di attivisti e polizia si sono scontrati per l'utilizzo dell'acqua, causando decine di feriti.

Determinati a impedire che tali proteste si rafforzino ulteriormente, diversi Paesi europei stanno invocando poteri legali spesso utilizzati contro la criminalità organizzata e i gruppi estremisti per intercettare e rintracciare gli attivisti, ha segnalato Reuters, sulla base di conversazioni con quattro procuratori, la polizia di Francia e Germania e più di una dozzina di manifestanti.

Un'ondata di proteste dirette per il clima

Solo a Berlino, la polizia ha registrato oltre 4.500 incidenti legati ai gruppi "The Last Generation" e "Extinction Rebellion". Le autorità statali tedesche utilizzano ampiamente la detenzione preventiva per impedire alle persone di protestare.

I legislatori hanno approvato nuove leggi sulla sorveglianza e la detenzione in Francia (a luglio) e in Gran Bretagna (a maggio). 

La Francia ha addirittura utilizzato un'unità antiterrorismo per interrogare alcuni attivisti per il clima, ha confermato la polizia a Reuters.

I governi di Germania e Gran Bretagna hanno dichiarato che questa risposta dura alle proteste era volta a prevenire azioni criminali dannose. Il governo francese ha rifiutato di commentare, ma ha già detto che lo Stato deve essere in grado di combattere quella che definisce "radicalizzazione".

Gli attivisti affermano di essere passati alle maniere forti, e dunque all'azione diretta, dopo il fallimento di altre strategie di protesta. La disobbedienza civile ha una lunga storia nei movimenti sociali, tra cui la lotta per il voto alle donne e il movimento per i diritti civili degli Stati Uniti.

REUTERS/Paul Childs
Police officers escort a Just Stop Oil protester in the UK.REUTERS/Paul Childs

La Reuters non ha potuto stabilire se i Paesi europei stessero coordinando le politiche o la vigilanza sui manifestanti, al di là della normale cooperazione tra le forze di polizia.

Una fonte governativa francese ha dichiarato che i servizi di intelligence di tutta Europa hanno collaborato per monitorare i piani e le attività dei manifestanti.

Rispondendo a una domanda della Reuters sulla condivisione di informazioni sugli attivisti per il clima tra i governi europei, il ministero degli Interni tedesco ha detto di avere regolari scambi di informazioni con partner stranieri, ma non ha fornito dettagli.

La polizia e il ministero degli Interni francese hanno anche in questo caso rifiutato di commentare. Il Consiglio nazionale dei capi della polizia britannica non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento e il suo ministero degli Interni non ha commentato.

La Baviera ha avviato un'azione di repressione contro l'Ultima Generazione

Lachner è un membro di The Last Generation, un gruppo con sede in Germania all'interno della rete europea A22 che comprende anche il britannico Just Stop Oil ed è finanziato dal Climate Emergency Fund di Los Angeles.

Il procuratore della Baviera ha condotto un'azione di repressione nei confronti di The Last Generation, insieme a un'indagine sulla possibilità di classificarla come organizzazione criminale ai sensi di una legge che consente la sorveglianza telefonica, la localizzazione GPS e la perquisizione delle proprietà.

Il procuratore ha assegnato l'indagine su The Last Generation a un'unità dello Stato che combatte il terrorismo e l'estremismo, perché ha dichiarato che il gruppo ha commesso crimini tra cui il tentativo di sabotare infrastrutture critiche, ha detto un portavoce del procuratore.

Il Brandeburgo ha avviato un'indagine simile, ha dichiarato a Reuters il suo ministero degli Interni.

In risposta a una domanda di Reuters, The Last Generation ha negato che le sue attività fossero criminali e ha detto che gli attivisti mostrano i loro volti e i loro nomi durante le proteste e annunciano gli eventi in anticipo.

PUBBLICITÀ

I pubblici ministeri stanno indagando sul gruppo per aver chiuso una valvola dell'oleodotto transalpino in Baviera l'anno scorso e per una protesta presso una raffineria nel Brandeburgo. Last Generation ha confermato di aver preso parte a quelle proteste.

Le case dei leader delle proteste perquisite in Germania

A maggio, la polizia di diversi Stati ha fatto irruzione nelle case di sette leader di The Last Generation. I procuratori bavaresi hanno intercettato i telefoni di sei dei leader prima delle incursioni, nell'ambito dell'indagine sulla classificazione del gruppo come organizzazione criminale, ha dichiarato l'ufficio del procuratore bavarese a Reuters.

Anche il sito web del gruppo è stato chiuso per impedire la raccolta di fondi. Se il gruppo fosse dichiarato fuorilegge, sostenerlo sarebbe punibile con il carcere, secondo la legge tedesca.

A giugno, il giorno della prevista protesta di Lachner nella città bavarese di Regensburg, la polizia si è presentata a casa sua e lo ha portato in una stazione di polizia per sei ore, un esempio dell'uso da parte della Baviera delle norme che consentono alla polizia di trattenere le persone fino a un mese senza accuse per prevenire un crimine, sulla base di un ordine del tribunale.

"Non mi è stato permesso di prendere le scarpe o i calzini... mi hanno trascinato fuori dal corridoio", ha detto Lachner in un'intervista.

PUBBLICITÀ
NADJA WOHLLEBEN/REUTERS
Activists from "Letzte Generation" (last generation) are detained by German police in Berlin.NADJA WOHLLEBEN/REUTERS

Un video della detenzione postato da The Last Generation sulla piattaforma di social media X lo mostra mentre viene trascinato a piedi nudi su un viale asfaltato. Reuters non ha potuto verificare l'autenticità del filmato.

La polizia di Regensburg ha dichiarato di aver arrestato Lachner per prevenire un reato penale dopo che aveva annunciato pubblicamente i suoi piani.

Negli ultimi 18 mesi, la Baviera ha utilizzato almeno 80 volte la custodia cautelare per più di 24 ore nei confronti di attivisti per il clima, ha dichiarato a Reuters il ministero degli Interni, in base a una legge statale che consente tali azioni.

Il ministero ha confermato la detenzione di un attivista per 30 giorni. The Last Generation ha dichiarato che nove persone sono state trattenute per 30 giorni.

Il ministero non ha fornito dettagli sulle persone detenute o sul motivo della loro detenzione. Reuters non è riuscita a stabilire immediatamente se gli attivisti detenuti siano stati successivamente incriminati.

PUBBLICITÀ

Berlino sta elaborando una nuova legislazione in risposta alle proteste

Dall'anno scorso, gli attivisti hanno organizzato centinaia di blocchi stradali a Berlino. Al 6 luglio, la polizia di Berlino aveva trascorso più di 480.000 ore di lavoro su circa 4.519 presunti incidenti criminali registrati di recente da parte di attivisti ambientali, ha dichiarato il dipartimento di polizia a Reuters.

Il procuratore di Berlino, in risposta alle domande di Reuters, ha dichiarato di aver registrato più di 2.200 indagini al 19 giugno di quest'anno nei confronti degli attivisti di The Last Generation e Extinction Rebellion. I dati non specificavano i tipi di reati su cui si stava indagando.

In risposta all'ondata di proteste, i legislatori statali berlinesi stanno elaborando una legge per consentire la detenzione dei sospetti per cinque giorni, rispetto alle attuali 48 ore, ha dichiarato in un'intervista un portavoce del Senato di Berlino.

Nonostante la detenzione di Lachner, l'azione a Ratisbona è andata avanti, con un numero di manifestanti incollati alla strada superiore a quello inizialmente previsto.

"I manifestanti per il clima possono forse essere rinchiusi, ma la catastrofe climatica arriverà comunque", ha detto Lachner dopo essere stato condannato a Berlino a luglio per gli incidenti dello scorso anno e multato per 2.700 euro.

PUBBLICITÀ

Ha fatto appello della sentenza e ha detto che continuerà a protestare.

REUTERS/Nadja Wohlleben
A police officer unglues a hand of a Climate Change activist of "Letzte Generation" (last generation) as the protesters glued themselves to streets to protest in Berlin.REUTERS/Nadja Wohlleben

Le proteste per il clima sono sfociate nella violenza in Francia

La Germania mira a raggiungere le emissioni nette zero entro il 2045 e la Francia nel 2050, in linea con le indicazioni scientifiche.

Ma entrambi i Paesi hanno mancato i loro obiettivi annuali negli ultimi due anni e, con il pianeta che ha registrato i giorni più caldi di sempre a luglio, gli attivisti dicono che bisogna fare di più.

Alla fine del 2022, attivisti per il clima vestiti con tute bianche sono entrati di notte in un cementificio francese di proprietà di Lafarge Holcim. Hanno interrotto le connessioni elettriche con delle tronchesi e hanno distrutto le installazioni con dei martelli, secondo un video pubblicato da una rete chiamata Les Soulevements de La Terre (SLT).

Un portavoce ha dichiarato che SLT ha appoggiato l'azione ma non l'ha organizzata, aggiungendo che le persone arrestate sono innocenti fino a prova contraria.

PUBBLICITÀ

A marzo, i membri dell'SLT si sono uniti a una protesta che mirava a disattivare i serbatoi di irrigazione in costruzione che pompano acqua di falda per le grandi aziende agricole in una zona umida colpita dalla siccità a Deux-Sevres, nella regione della Nouvelle Aquitaine.

Frederic Petry / Hans Lucas via Reuters Connect
A group of mobile gendarmes in protection in front of one of their vehicles burnt by the protesters in the Deux-Sevres.Frederic Petry / Hans Lucas via Reuters Connect

Secondo le stime, 6.000 manifestanti sono stati accolti da 3.000 gendarmi in assetto antisommossa che hanno sparato più di 5.000 lacrimogeni nell'arco di due ore.

Nel caos, 200 manifestanti sono rimasti feriti, due sono andati in coma e uno ha perso un occhio. Quarantasette agenti sono stati feriti e quattro dei loro veicoli sono stati bruciati.

Le violenze della protesta per l'acqua hanno suscitato clamore, con i gruppi per i diritti e i manifestanti che hanno affermato che le forze di sicurezza hanno usato una violenza eccessiva e il governo che ha accusato gli attivisti di essersi presentati armati di palle da bowling in acciaio e bombe molotov, pronti a combattere.

In base a una legge approvata nel 2021, il ministero degli Interni ha poi bandito SLT, che ha fatto ricorso.

PUBBLICITÀ

I manifestanti per il clima sono sotto sorveglianza

L'ambientalista Julien Le Guet, organizzatore della protesta per il bacino idrico e non membro dell'SLT, è stato messo sotto sorveglianza dal governo prima della protesta di marzo, come ha dichiarato a gennaio l'ufficio locale del ministero degli Interni a un giornale francese.

La sorveglianza è stata ordinata in base alle regole per prevenire "la violenza collettiva che potrebbe mettere seriamente a rischio la pace pubblica".

Questo processo è supervisionato dalla Commissione nazionale per il controllo delle tecniche di intelligence e la sorveglianza in questi casi deve essere autorizzata dal primo ministro caso per caso, ha dichiarato la Commissione alla Reuters.

L'ufficio del primo ministro non ha risposto a una richiesta di commento.

In un'intervista, Le Guet ha dichiarato che la sorveglianza comprendeva un dispositivo di localizzazione GPS collegato alla sua auto e una telecamera posizionata per sorvegliare la casa del padre. 

PUBBLICITÀ

Le Guet e altre sei persone dovranno presentarsi in tribunale a settembre con l'accusa di aver organizzato proteste vietate dall'ufficio locale del ministero degli Interni, tra cui quella di marzo. Le Guet ha detto che l'azione diretta era giustificata perché altre forme di protesta non avevano avuto successo.

Due fonti della sicurezza francese hanno detto a Reuters che dal 2018 c'è stato un aumento degli eco-attivisti sotto sorveglianza, senza fornire dettagli. La polizia e il ministero degli Interni hanno rifiutato di commentare.

All'udienza del tribunale amministrativo di martedì, in cui SLT chiedeva la sospensione del decreto governativo di chiusura del gruppo, il rappresentante legale del ministero degli Interni ha riconosciuto le misure di sorveglianza del governo contro i membri del gruppo.

"Le persone che hanno dichiarato di far parte dell'SLT sono entrate ipso facto nel raggio d'azione dei servizi di intelligence", ha dichiarato Pascale Leglise, aggiungendo che "ovviamente, non tutte le persone sono soggette a sorveglianza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa nella morsa di un'altra ondata di caldo. I Paesi più colpiti Italia, Francia e Svizzera

Montana, la giudice dà ragione agli attivisti per l'ambiente in una causa contro lo Stato

Nel 2024 si voterà in Usa, Regno Unito e Australia: quali sono le proposte dei candidati sul clima?