EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I viticoltori in Austria usano nuovi vitigni a causa delle temperature sempre più elevate

I viticoltori in Austria usano nuovi vitigni a causa delle temperature sempre più elevate
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Johannes Pleschberger
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Estati sempre più calde stanno cambiando l'industria vinicola austriaca. L'aumento delle temperature fa sì che molti vini perdano acidità e abbiano un sapore meno fresco. Ma alcuni viticoltori sperano che varietà alternative possano salvare la situazione.

PUBBLICITÀ

Rust, sulle rive del lago di Neusiedl, è uno dei centri vinicoli più noti dell'Austria. Nel Medioevo i viticoltori di Rust avevano creato una rete commerciale fino alla Baviera e alla Polonia. Nel 1524, la regina ungherese Maria concesse ai viticoltori di Rust il privilegio di incidere una grande "R" sulle botti di vino: un primo marchio di origine protetta.

Gli effetti del cambiamento climatico hanno un impatto sul settore: a causa dell'aumento delle temperature, in Austria il gusto di molti vini sta cambiando. Alcuni viticoltori stanno quindi passando a nuovi vitigni. "Ad agosto fa così caldo che sembra di essere in un forno - dice Günter Triebaumer, un enologo -. Rispetto a quando ero giovane, la stagione della vendemmia si è spostata in avanti di sei settimane".

A causa della vendemmia anticipata il vino perde acidità e ha un sapore meno fresco. Tra i nuovi vitigni usati dai viticoltori c'è il Furmint, una varietà di uva da vino bianco poco conosciuta. "Il Furmint è una varietà a maturazione tardiva - dice Triebaumer -. Quindi, durante il caldo di agosto, quando le altre varietà già in maturazione accumulano zuccheri e la loro acidità si abbassa, il Furmint è al sicuro perché matura più tardi".

A causa dei cambiamenti climatici, sempre più viticoltori austriaci usano l'uva Furmint. La sua superficie di coltivazione è triplicata negli ultimi otto anni. A livello internazionale, il vino austriaco è considerato sempre più attento all'ambiente e di alta qualità. Il valore delle esportazioni ha subito un'impennata.

Attualmente le uve Grüner Veltliner occupano un terzo della superficie austriaca. Tuttavia il caldo potrebbe indurre molti viticoltori a rinunciarvi. "Forse i Grüner Veltliner vivaci saranno sostituiti da Grüner Veltliner un po' più forti", dice Michaela Griesser, una esperta di viticoltura secondo cui il vino sta attraversando una fase di cambiamenti in tutta Europa. ""Ci sono già alcuni vigneti in Svezia - sottolinea Griesser -. Quindi si può sicuramente dire che le zone di produzione del vino si sposteranno. E forse, nelle zone dell'Europa centrale dove diventerà troppo caldo, si pianteranno altre colture e non il vino".

Fino a poco tempo fa in molte zone dell'Austria faceva troppo freddo per la viticoltura. I cambiamenti climatici rappresentano un'opportunità: una maggiore superficie e nuove varietà. Oltre al Furmint, l'enologo Günter Triebaumer ha recentemente iniziato a utilizzare il Petit Manseng, un'altra varietà resistente al calore.

"Quello che ho detto sul Furmint vale ancora di più per il Petit Manseng - dice Triebaumer -. Questo perché ad agosto è ancora verde come l'erba e non ha immagazzinato zuccheri, quindi il caldo non lo influenza". Oltre ai cambiamenti di varietà, un'altra trasformazione sta colpendo molti viticoltori: l'aumento delle temperature accresce la necessità di irrigazione artificiale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quando finirà quest'ondata di calore in Europa?

La resilienza idrica non può essere ignorata: l'appello di 21 Stati membri dell'Ue

Salute, un nuovo studio rivela: i bambini che vivono vicino a spazi verdi hanno polmoni più sani