This content is not available in your region

L'Ue si prepara a bandire migliaia di sostanze chimiche pericolose

L'impianto chimico Evonik vicino a Colonia, in Germania
L'impianto chimico Evonik vicino a Colonia, in Germania   -   Diritti d'autore  AP Photo/Martin Meissner, File
Di Rosie Frost

Migliaia di sostanze chimiche potenzialmente tossiche o dannose ancora utilizzate nei cosmetici, nei giocattoli e persino nei prodotti per bambini potrebbero presto essere vietate in Europa in base a nuovi regolamenti. Secondo i gruppi industriali fino a 12.000 diverse sostanze chimiche presenti nel 74% dei prodotti di consumo o professionali potrebbero rientrare in queste restrizioni. Secondo l'Ufficio Europeo dell'Ambiente (Eeb) sarà il "più grande divieto di sempre" sulle sostanze chimiche tossiche.

Tatiana Santos, responsabile delle politiche chimiche dell'Eeb, dice che la misura annunciata dalla Commissione europea "apre un nuovo capitolo" nel contrasto alla crescente minaccia di queste sostanze nocive. Per Santos "la grande disintossicazione promette di migliorare la sicurezza di quasi tutti i prodotti fabbricati e di abbassare rapidamente l'intensità chimica delle nostre scuole, case e luoghi di lavoro".

Pubblicata lunedì, la tabella di marcia delle restrizioni userà le leggi esistenti per proibire le sostanze legate a cancro, infertilità, alla ridotta efficienza dei vaccini e ad altri problemi di salute. Il piano si concentra su intere categorie di sostanze chimiche come i ritardanti di fiamma, le plastiche in Pvc e i bisfenoli che sono usati per produrre plastiche dure per oggetti come le bottiglie d'acqua. Esso coprirà anche i Pfa (perfluoroalcossi), conosciuti come "prodotti chimici per sempre" a causa del periodo incredibilmente lungo che impiegano per degradarsi nell'ambiente. Questa lista di sostanze proibite sarà regolarmente rivista dall'Agenzia europea delle sostanze chimiche.

L'inquinamento chimico ha superato un "confine planetario"

All'inizio dell'anno gli scienziati hanno detto che l'inquinamento chimico ha già superato un "limite planetario". Il superamento di questo limite potrebbe portare alla rottura degli ecosistemi e minacciare la futura sopravvivenza dell'umanità.

Stando a un rapporto delle Nazioni Unite del mese scorso l'inquinamento chimico potrebbe causare più morti della pandemia da Covid-19. I suoi autori hanno chiesto "un'azione immediata e ambiziosa" per vietare alcune di queste sostanze tossiche.

Si stima che 200.000 sostanze chimiche siano utilizzate nell'Ue, con vendite globali più che raddoppiate tra il 2000 e il 2017. Per volume, tre quarti di quelli prodotti in Europa sono pericolosi. Secondo un sondaggio ufficiale condotto dalla Commissione europea questa minaccia non è passata inosservata: l'84% degli europei sono preoccupati per l'impatto sulla salute delle sostanze chimiche e il 90% per l'impatto sull'ambiente.

Con l'industria che sviluppa una nuova sostanza chimica ogni 1,4 secondi circa, è stato difficile per l'Ue tenere il passo nella regolamentazione di ciascuna di queste sostanze. Nell'Ue sono state vietate circa 2.000 sostanze negli ultimi 13 anni, più di qualsiasi altra regione del mondo. Ma queste restrizioni si applicano a pochissimi prodotti come i cosmetici e i giocattoli.

Secondo la nuova tabella di marcia le restrizioni legali saranno definite dal membro più dannoso della famiglia chimica. Per l'Eeb la nuove norma metterà fine alla pratica dell'industria di modificare leggermente le formule chimiche per eludere i divieti: tra 4.000 e 7.000 sostanze diverse potrebbero essere messe fuori legge entro il 2030.