#WhereIsKate: la richiesta di privacy della Famiglia reale ha creato il caos

Kate, Principessa del Galles, sorride durante la sua visita a Sebby's Corner, a nord di Londra, venerdì 24 novembre 2023.
Kate, Principessa del Galles, sorride durante la sua visita a Sebby's Corner, a nord di Londra, venerdì 24 novembre 2023. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Jonny Walfisz
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'hastag spopola in rete, mentre la Royal Family tace

PUBBLICITÀ

Chiunque abbia un briciolo di conoscenza delle pubbliche relazioni ritiene che non dovesse andare così. Tutto è iniziato con la foto per la festa della mamma pubblicata da Kate Middleton, rimossa da diverse agenzie di stampa perché chiaramente ritoccata.

Poi, con una mossa incredibilmente strana, Kensington Palace ha fatto di Kate Middleton il capro espiatorio della gaffe e le scuse pubbliche della principessa del Galles, che si è assunta la responsabilità del ritocco, non sono state ascoltate.

Abbiamo già analizzato quanto fosse assurdo che il rigido team della Famiglia reale si aspettasse che il pubblico credesse davvero in un errore di Photoshop commesso dalla principessa davanti al suo Mac.

Ora è comparso anche un video pubblicato dal The Sun - il più rispettabile dei giornali - che tenta di mettere a tacere le speculazioni selvagge immortalando il principe e la principessa del Galles in un negozio di casalinghi a Windsor.

Immediatamente, internet si è infiammato di nuovo sostenendo che la donna accanto al Principe William non fosse, in realtà, Kate Middleton. Alcuni hanno suggerito che si trattasse di un deepfake dell'intelligenza artificiale, altri hanno parlato di una controfigura.

L'Associated Press ha ritirato l'immagine perché "manipolata in un modo che non soddisfa gli standard fotografici di AP".
L'Associated Press ha ritirato l'immagine perché "manipolata in un modo che non soddisfa gli standard fotografici di AP".Prince of Wales/AP

Il polverone sulla sorte della futura regina del Regno Unito non fa che aumentare. #WhereIsKate e altre versioni del tag sono in voga su X (ex Twitter), mentre si diffondono a macchia d'olio le sempre più bizzarre teorie cospirative dei TikToker.

E tutto questo perché il team di pubbliche relazioni della Famiglia reale si rifiuta di dare notizie sulle condizioni di salute della principessa. Kate è stata vista in pubblico per l'ultima volta a Natale del 2023, prima di essere sottoposta a un intervento chirurgico all'addome il 17 gennaio.

Il Palazzo ha dichiarato che è improbabile che la principessa riprenda le sue funzioni pubbliche almeno fino a Pasqua, che cade alla fine di marzo. Poi, senza preavviso, hanno pubblicato la foto della festa della mamma.

Avrebbero potuto facilmente confessare e spiegare come era stata creata l'immagine, invece di alimentare ulteriormente le speculazioni.

Infine, il video del negozio di agrumi. Pubblicato originariamente da TMZ, vale la pena approfondire il modo con cui la stampa britannica ha trattato l'immagine. Sebbene il Sun non sia rinomato per la qualità del suo giornalismo, in genere segue le richieste del Palazzo quando si tratta di mantenere la privacy della Famiglia reale.

Lunedì 11 marzo riflettori puntati sull'immagine di Kate, principessa del Galles, e dei suoi figli.
Lunedì 11 marzo riflettori puntati sull'immagine di Kate, principessa del Galles, e dei suoi figli.AP Photo

Il fatto che il Sun e altri organi di stampa abbiano diffuso questo video non ufficiale dimostra che la stampa britannica è sicura che il Palazzo non risponderà e lo farà rimuovere. 

Un video sgranato che ricorda un avvistamento stile Bigfoot del XX secolo è una tattica piuttosto strana per cercare di far mettere a tacere le speculazioni.

Il che ci porta al nocciolo della questione. La cosa potrebbe finire rapidamente se la Famiglia reale non fosse così ossessionata dalla propria privacy. Se semplicemente uscissero allo scoperto e spiegassero chiaramente cosa è successo, perché hanno preso le decisioni singolari che hanno preso, ci sarebbe una piccola possibilità che tutto finisse.

La Famiglia Reale dovrebbe comunque avere diritto alla privacy? Per definizione, non è una famiglia privata. Fa parte dello Stato. Se tre membri del personale della clinica di Londra sono indagati per aver violato le cartelle cliniche di Kate, i dettagli sulla salute della Famiglia reale non dovrebbero essere liberamente conosciuti dal pubblico? Sono i nostri capi di Stato.

L'atto stesso di esistere all'interno della Famiglia reale porta con sé la rinuncia al diritto alla completa privacy. Si può vivere in una famiglia normale, avere un lavoro, un mutuo e un giorno andare in pensione lontano dai riflettori. Oppure si può vivere in una monarchia ereditaria il cui potere sulla nazione è ancora intriso di diritto divino. In termini moderni, credo che questo significhi che le vostre cartelle cliniche dovrebbero essere disponibili a chiunque voglia inviare una richiesta di libertà di informazione (Foi).

Harry e Meghan hanno fatto tutto il possibile per sottrarsi alle esigenze di un'istituzione pubblica che si accanisce sulla propria privacy, perché riconoscono che far parte della Famiglia reale significa essere un bene pubblico del pubblico britannico. Altro che richieste di Foi, dovrebbero installare delle telecamere a circuito chiuso in stile Grande fratello e trasmettere ogni movimento della famiglia reale. Sicuramente in quel modo sarebbero stati chiariti alcuni dettagli sulla vita del principe Andrea.

Se i monarchici faranno alcune affermazioni - ragionevoli - su come l'intrusione della stampa nella privacy della famiglia sia stata in qualche modo responsabile della morte della principessa Diana, io ho una soluzione semplice: se non vi piace, abdicate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, la stretta del governo conservatore sulla definizione di estremismo crea polemiche

Regno Unito: Kate Middleton torna sui social media

Record Store Day 2024: quali sono le uscite da tenere d'occhio?