Francia, decifrato dopo cinque secoli il codice segreto di Carlo V

La lettera di Carlo V
La lettera di Carlo V Diritti d'autore أ ف ب
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A decifrare il codice è stato un team del laboratorio di ricerca Loria nella Francia orientale, che ha impiegato sei mesi di lavoro

PUBBLICITÀ

Cinque secoli dopo è stato decifrato il codice segreto dell'imperatore Carlo V. Il contenuto di questa lettera, scritta dal re di Spagna e imperatore del Sacro Romano Impero al suo ambasciatore in Francia nel 1547, è stato finalmente svelato. La scoperta è stata fatta da un team di ricercatori francesi del laboratorio di ricerca Loria, dopo sei mesi di lavoro.

Ma cosa rivela questa lettera scritta da uno degli uomini più potenti del XVI secolo? Ce lo spiega la storica Camille Desenclos: “l documento "conferma lo stato alquanto degradato" nel 1547 dei rapporti tra Francesco I e Carlo V, che tre anni prima avevano firmato un trattato di pace, dove il monarca temeva un'insurrezione in Francia. E poi si parla di un complotto ordito dalla Francia per assassinare l’imperatore. Una voce che si è rivelata infondata ma qui si legge tutta la sua paura.”

Carlo V fu uno degli uomini più potenti dell'epoca. Creò un impero che conquistò gran parte dell'Europa occidentale e delle Americhe durante un regno di oltre 40 anni.

Nella missiva sono stati utilizzati simboli senza alcun significato, molto probabilmente per depistare coloro che avrebbero cercato di "forzare" la decriptazione. La svolta è arrivata a giugno. I ricercatori sperano ora di poter decifrare altre lettere tra l'imperatore e il suo ambasciatore, "per avere una visione storica più completa della strategia di Carlo V in Europa".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinema, Martin Scorsese riceve l'Orso d'oro alla carriera alla Berlinale

Cinema, Oppenheimer e Povere Creature dominano i Bafta con un occhio agli Oscar

"La zona d'interesse" di Jonathan Glazer: il nazismo visto dall'interno