Alla francese Annie Ernaux il Nobel per la Letteratura

Annie Ernaux
Annie Ernaux   -   Diritti d'autore  frame   -  
Di euronews

Il Premio Nobel per la Letteratura 2022 è stato assegnato dall'Accademia di Svezia alla scrittrice francese Annie Ernaux, 81 anni, "per il coraggio e l'acutezza clinica con cui ha svelato le radici, gli straniamenti dei vincoli collettivi della memoria personale".

Chi è Annie

Originaria di Lillibone, vicino a Rouen, dove è nata l'1 settembre del 1940, Annie Ernaux, 82 anni, l'autrice culto de Gli anni con cui in Italia ha vinto il Premio Strega Europeo nel 2016 e del romanzo L'evento diventato il film di Audrey Diwan che ha vinto il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia 2021, è  cresciuta nella piccola città di Yvetot in Normandia, dove i suoi genitori avevano un negozio di alimentari e una caffetteria.

Vincitrice del Premio Mondello nel 2022, nella sua scrittura Ernaux, in modo coerente e da diverse angolazioni, ha esaminato una vita segnata da forti disparità di genere, lingua e classe. Ha debuttato nel 1974 con Les armoires vides, ma è stato il suo quarto libro, La place (1983), a segnare la  svolta letteraria. In poche centinaia di pagine ha prodotto un ritratto spassionato di suo padre e dell'intero ambiente sociale che lo aveva fondamentalmente formato.

La scrittrice usa il linguaggio come "un coltello", come lo chiama lei, per squarciare i veli dell'immaginazione. Annie Ernaux ha anche realizzato con il figlio David il suo primo film "Les Années Super 8" presentato alla Quinzaine des Realisateur all'ultimo Festival di Cannes, con cui sarà alla Festa del Cinema di Roma, dal 13 al 23 ottobre. 

In Italia i suoi libri sono pubblicati dall'Orma Editore per cui è recentemente uscito "Guarda le luci amore mio" in cui per un anno ha annotato, in una sorta di diario, le sue escursioni al supermercato tra "impotenza e ingiustizia".

La prima reazione: "Onore" e "responsabilità"

Alla tv svedese la prima reazione della scrittrice: Il Premio Nobel per la letteratura è un "grande onore" e una "responsabilità".

Macron: "Da lei il romanzo della memoria collettiva"

"Da cinquanta anni, Annie Ernaux scrive il romanzo della memoria collettiva e intima del nostro Paese. La sua voce è la voce della libertà delle donne e dei dimenticati del secolo. Attraverso questa consacrazione  si unisce alla grande cerchia di Nobel della nostra letteratura francese": lo scrive in un tweet il presidente francese, Emmanuel Macron

"L'estrema destra nella storia non è mai stata favorevole alle donne"

"Lotterò fino al mio ultimo respiro affinché le donne possano scegliere se essere madri o meno: la contraccezione e il diritto all'aborto sono un diritto fondamentale, la matrice della libertà delle donne": lo ha detto la scrittrice francese neo Premio Nobel per la Letteratura, Annie Ernaux, esprimendosi nella sede dell'editore Gallimard a Parigi. Citando, tra l'altro, la situazione politica italiana, con l'avvento al potere del partito di Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia), la scrittrice ha criticato l'estrema destra che "nella storia non è mai stata favorevole alle donne"