This content is not available in your region

La cultura questione strategica centrale per l'Uzbekistan

euronews_icons_loading
La cultura questione strategica centrale per l'Uzbekistan
Diritti d'autore  euronews
Di Ekaterina Anisimova

La Settimana del patrimonio culturale dell'Uzbekistan ha riunito rinomati studiosi per discutere di come preservare e promuovere il patrimonio culturale e storico della Perla dell'Asia centrale.

Un nuovo rinascimento

Khiva. Una città che è un museo a cielo aperto, con siti culturali di rara bellezza. Nel Medioevo Khiva era un importante centro commerciale sulla Via della seta, oggi il ricco patrimonio conservato nella città la rende uno dei luoghi più interessanti da visitare in Uzbekistan.

E qui si è tenuto il forum internazionale L'Asia centrale al crocevia delle civiltà del mondo nell'ambito della settimana del patrimonio culturale dell'Uzbekistan.

Più di 250 studiosi in presenza e quasi altrettanti online on line hanno discusso su come preservare, studiare e promuovere la cultura e il patrimonio dell'Asia centrale.

"La componente culturale sta diventando parte dell'idea nazionale dell'Uzbekistan in questa fase - spiega Irina Popova, direttrice dell'Istituto di manoscritti orientali dell'Accademia russa delle scienza -. Come sapete, si parla di un nuovo rinascimento, di una rinascita del paese nelle nuove condizioni moderne. Si sta puntando molto sulla cultura".

Sistematizzare la cultura uzbeka nel mondo

Da cinque anni studiosi di culture orientali pubblicano cataloghi di rari manoscritti, manufatti archeologici e miniature. Reperti sparsi per il mondo e conservati in vari musei, collezioni private e biblioteche. Un progetto chiamato "Il patrimonio culturale dell'Uzbekistan nelle collezioni del mondo", il cui scopo principale è raccogliere e sistematizzare le informazioni sul ricco patrimonio uzbeko. Per Popova "Non esistono al mondo progetti comparabili a questo in Uzbekistan. Tentativi di presentare il patrimonio culturale, di raccoglierlo sotto forma di pubblicazioni, cartacee o su internet, sono stati intrapresi da molti stati, e in generale hanno avuto un discreto successo, ma mai con la stessa ampiezza del progetto uzbeko".

Quest'anno gli scienziati hanno presentato 15 nuovi cataloghi. In totale finora ne sono stati pubblicati 50, destinati a essere inviati gratuitamente a tutte le biblioteche e le scuole del paese. Firdavs Abdukhalikov, presidente del consiglio della Società Mondiale per lo studio, la conservazione e la promozione dell'eredità culturale dell'Uzbekistan, elenca le ragioni all'origine del progetto: "L'Uzbekistan ha bisogno di questo in modo che, prima di tutto, i giovani uzbeki conoscano la loro storia per poter costruire un nuovo Uzbekistan. In secondo luogo, vogliamo naturalmente sviluppare il potenziale turistico dell'Uzbekistan. E il terzo obiettivo è di catalogare tutto il patrimonio culturale che si trova attualmente nei musei e nelle collezioni di tutto il mondo".

Ricreare e diffondere capolavori unici

Il progetto prevede anche la pubblicazione di edizioni in facsimile di antichi manoscritti e miniature. La casa editrice Mueller & Schindler sta contribuendo a rendere accessibili questi reperti di un antico passato. Quest'anno hanno pubblicato in facsimile Il libro delle stelle fisse, un manoscritto del decimo secolo considerato una delle opere maestre dell'astronomia medievale musulmana. Una copia manoscritta dell'opera fu realizzata nel quindicesimo secolo su richiesta di Ulugh Beg, il sovrano dell'impero timuride, egli stesso eminente astronomo e matematico.

"È eccezionale - commenta Charlotte Kramer, presidente di Mueller & Schindler - perché sappiamo solo di tre libri che sono stati dedicati a Ulugh Beg, che sono stati fatti durante il suo regno. E in questo libro troviamo sulla prima pagina una sorta di ex-libris dove è scritto che questo libro è stato realizzato per la sua biblioteca, per lui".

Questo manoscritto non è mai stato riprodotto prima in facsimile. L'originale è conservato alla Biblioteca nazionale di Francia. Gli specialisti hanno ricreato con assoluta precisione tutte le caratteristiche dell'edizione originale: dimensioni, carattere di stampa, carta, iscrizioni manoscritte e intarsi in oro.

Alla Settimana del patrimonio culturale, l'Uzbekistan ha dimostrato che la cultura del paese non è solo motivo di orgoglio nazionale, ma è anche un importante strumento di promozione all'estero.