EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L’Aida in versione originale oltre le incognite Covid

In collaborazione con
L’Aida in versione originale oltre le incognite Covid
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Andrea Buring
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A 150 anni dalla composizione, gli studiosi hanno ritrovato la versione originaria dell’inizio del terzo atto dell’«Aida», che la Scala presenta per la prima volta in cinque esecuzioni in forma di concerto.

È una prima mondiale: La Scala di Milano ha presentato "Aida" in una prima versione sconosciuta. È una scoperta sorprendente che i ricercatori hanno fatto solo un anno fa, dal momento che l'ampia eredità verdiana è molto conosciuta.

Riccardo Chailly, Direttore d'orchestra:  “Quando parliamo di un genio come Giuseppe Verdi, ovviamente, se c'è la possibilità di cercare qualcosa che non conosciamo, penso che sia solo un arricchimento per tutti e sicuramente una scoperta della grande musica. Questo è quello che è: queste quasi 100 battute di musica. "

Verdi lasciò cadere e sostituì il suo inizio originale del terzo atto poco prima della prima rappresentazione.

Francesco Meli, Tenore:  "Il ritornello canta un meraviglioso momento polifonico."

Il compositore italiano ha utilizzato parte di queste partiture originali tre anni dopo per la sua "Messa da Requiem".

Anita Rachvelishvili, Mezzo-soprano: “Penso che il Maestro (Chailly) sia un tipo di musicista a cui piace scoprire cose nuove e interessanti nella musica. E ci saranno persone che diranno, no, questa non è Aida. Questa è un'altra cosa. Voglio la vecchia versione. E ci saranno persone che l'accetteranno e l'adoreranno. Quindi amo il suo coraggio nel dire alla gente: devi scegliere. Mi piace. Spero che piaccia anche a te."

L'opera ambientata nell'antico Egitto tratta dell'amore impossibile tra la schiava etiope Aida e un comandante militare egiziano chiamato Radamès. Ma la figlia del potente faraone, Amneris, lo vuole per sé, invano.

Anita Rachvelishvili, Mezzo-soprano:  “Mi piace tutto di questa donna, perché non solo è fragile, è innamorata. È gelosa. È anche molto, molto forte. ..."

C'è molta sensibilità nella sua anima. Verdi lo mostra nella sua musica. C'è un'enorme emozione. È quello che cerco sempre di dimostrare. È davvero un grande dolore quello che ha nel cuore. "

Riccardo Chailly, Direttore:  “La mia preferenza, la preferenza più profonda, è il duetto finale dell'ultimo atto. Penso che la musica ci trasponga tutti in un mondo diverso..."

Anche se la situazione è tragica, ha a che fare con la morte, tuttavia la musica costruisce un'incredibile qualità di spiritualità, che per me è ogni notte una visione molto emotiva di questo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Budapest, un'artista rom premiata all'edizione 2020 del Womex

Musica: il viaggio nel cuore latino americano di Rolando Villazón e Xavier de Maistre

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan