EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Colonia", un thriller ai tempi di Pinochet

"Colonia", un thriller ai tempi di Pinochet
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“Colonia” è ambientato nel 1973 in Cile, nel periodo del colpo di Stato. Daniel, un fotografo tedesco impegnato nel movimento pro-Allende, viene

PUBBLICITÀ

“Colonia” è ambientato nel 1973 in Cile, nel periodo del colpo di Stato. Daniel, un fotografo tedesco impegnato nel movimento pro-Allende, viene rapito dalla polizia segreta di Pinochet e portato a Colonia Dignidad, una comunità religiosa che dietro un’apparenza innocua cela una realtà di tortura e morte.
La sua compagna Lena infiltra quindi la setta con l’obiettivo di salvarlo.

Daniel è interpretato dal tedesco Daniel Brühl, che alla prima europea, a Berlino, ha rievocato in perfetto spagnolo i suoi legami con il paese sudamericano: “Ho sempre avuto dei rapporti con il Cile perché mia madre è spagnola e i miei genitori erano molto coinvolti nella questione cilena, erano molto attivi in quel periodo. Quand’ero piccolo alcune famiglie cilene vennero a vivere con noi, soprattutto una famiglia cilena, quindi ho avuto sempre dei contatti con il Cile”.

Diverso, più artistico che politico, l’interesse di Emma Watson, la Lena del film: “In molti mi hanno chiesto se io abbia scelto questo film per ragioni politiche. Ma in realtà, è solo perché mi piaceva il personaggio. Naturalmente è un’epoca che mi interessa, ma è il personaggio che mi ha attratta”.

Il regista di “Colonia”, Florian Gallenberger, ha vinto un Oscar nel 2001 per il suo cortometraggio “Quiero ser”.
Rispondendo alle critiche, Gallenberger sostiene di aver usato il genere del thriller come uno strumento per risvegliare interesse nei giovani: “Guardando il film e divertendosi il pubblico finisce per scoprire qualcosa di più profondo, che va oltre il film stesso. Non volevamo fare una lezione di storia, ma un film coinvolgente, appassionante, che abbia però anche un significato. Sembra che ci siamo riusciti”.

“Colonia” esce nei prossimi giorni in Germania. Lo troveremo nei cinema italiani a partire dal 26 maggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il caso Falkenberg: la rabbia dei parenti delle vittime del torturatore di Pinochet

European Film Awards: dominio di "Anatomia di una caduta"

Wim Wenders premiato al Festival Lumière di Lione